Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 04:51

Guardia medica a Carlantino, un evento

«Finalmente, dopo venti anni di lotta, il nostro paese - dice il sindaco Vito Guerriera - riesce a ottenere un servizio che doveva essere istituito fin dal 1980»
FOGGIA - A Carlantino sarà presto attivato il servizio della Guardia Medica. Lo ha annunciato Attilio Manfrini, direttore generale dell'Asl Fg/3, nell'ultima riunione con i sindaci del distretto sanitario. Per l'attivazione dell'importante presidio sanitario, è già disponibile un primo stanziamento pari a 60mila euro. Entro la prossima settimana, funzionari dell'Asl Fg/3 andranno a Carlantino per un sopralluogo utile a individuare i locali idonei a ospitare uomini e mezzi della Guardia Medica.
«Finalmente, dopo venti anni di lotta, il nostro paese - dice il sindaco Vito Guerriera - riesce a ottenere un servizio che doveva essere istituito fin dal 1980. Viene premiata la nostra costanza nel portare avanti una battaglia di grande civiltà».La protesta più forte avvenne durante il consiglio comunale del 9 novembre 2000, quando l'intera amministrazione comunale di Carlantino, alla presenza del vescovo della diocesi Lucera-Troia, Francesco Zerrillo, minacciò le dimissioni se entro la fine dell'anno non fosse stata data risposta concreta alla problematica della guardia medica. Il vescovo criticò duramente l'ente regionale poichè la spesa per l'istituzione del servizio ammontava a 140 milioni delle vecchie lire, una modestissima percentuale del bilancio della sanità della Regione Puglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione