Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 19:01

Traffico rifiuti tra Campania e Puglia

L'indagine coordinata dalla procura della Repubblica di Benevento. Emesse 23 ordinanze di custodia. Smaltite 50.000 tonnellate di rifiuti, con un guadagno di una decina di milioni
BENEVENTO - I carabinieri del comando Tutela Ambiente di Napoli e del comando provinciale di Benevento, con l'ausilio di elicotteri del settimo elinucleo di Pontecagnano e con il supporto dei comandi provinciali di Napoli, Castello di Cisterna, Avellino, Salerno, Caserta, Foggia e Siracusa, stanno eseguendo in Campania, Puglia e Sicilia 23 ordinanze di custodia cautelare e tre ordinanze di obbligo di dimora emesse nei confronti di persone dedite al traffico illecito nel campo dei rifiuti.
L'indagine è coordinata dalla procura della Repubblica di Benevento. Alle persone coinvolte nell'inchiesta vengono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti speciali e disastro ambientale.

L'inchiesta, denominata «Dry cleaner», ha accertato la responsabilità di operatori e liberi professionisti del settore dello smaltimento dei rifiuti, ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti speciali e pericolosi e disastro ambientale. L'indagine, coordinata dal sostituto procuratore della procura della Repubblica di Benevento, Francesco De Falco, ha impegnato i carabinieri della Tutela per l'Ambiente e l'arma territoriale per circa un anno ed ha consentito di fare luce su una vera e propria organizzazione criminale ben radicata sul territorio campano.
L'operazione ha portato anche al sequestro di quattro siti utilizzati per l'illecito sversamento di rifiuti anche pericolosi per la salute pubblica ed all'individuazione di altrettanti «siti fantasma», utilizzati cioè per regolarizzare gli sversamenti solo sotto l'aspetto formale della documentazione, trattandosi di uffici, box auto e civili abitazioni. L'attività delle persone arrestate ha consentito lo smaltimento illecito di più di 50.000 tonnellate di rifiuti, con un guadagno stimato in una decina di milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione