Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 04:50

15 nuovi "angeli custodi" per gli aeroporti d'interesse nazionale

Sono i militari che, a Martina Franca, hanno ricevuto la qualifica di Fuciliere dell'Aria, alla presenza del gen.Alessio Santicchi (comandante 1a Brigata Aerea Padova), del primo cittadino, Leonardo Conserva e del col.Ettore Ciniglio Appiani (comandante 16° Stormo)
Fucilieri dell BARI - Gli aeroporti d'interesse nazionale hanno 15 nuovi "angeli custodi". Sono i militari che oggi, a Martina Franca, hanno ricevuto l'attestato di qualifica di Fuciliere dell'Aria, alla presenza del gen. Alessio Santicchi (comandante della 1a Brigata Aerea di Padova), del primo cittadino, Leonardo Conserva e del col. Ettore Ciniglio Appiani (comandante del 16° Stormo -Protezione delle Forze- e del Reparto Comunicazioni Operative).
I 15 nuovi "baschi blu" dell'Aeronautica Militare (AM) si vanno ad aggiungere agli altri che hanno conseguito la qualifica nell'ambito del 16° Stormo, cioè il reparto che l'AM ha costituito un paio d'anni fa per dotarsi di un'autonoma capacità di "Protezione delle Forze" e che è dislocato sul sedime aeroportuale del Reparto Comunicazioni Operative di Martina Franca (Taranto).
Si diceva che sono "angeli custodi" degli aeroporti perché, malgrado il loro impiego sia diversamente configurabile in base alle necessità, al Battaglione Fucilieri dell'Aria spetta proprio il compito di assicurare la difesa a medio/corto raggio delle installazioni/assetti dell'Aeronautica Militare schierati sia in patria, sia all'estero. Sono loro, per esempio, che stanno dando il cambio ai colleghi del Battaglione San Marco della Marina Militare, presso l'aeroporto internazionale di Kabul, in Afghanistan.
Proprio all'incarico delicato di tutti i "baschi blu" ha fatto riferimento il col. Ettore Ciniglio Appiani nell'ambito della cerimonia odierna, presso Palazzo Ducale. «Quella di oggi - ha detto - rappresenta il concreto sviluppo del progetto di Forza Armata volto a proteggere gli assetti e le installazioni aeronautiche da eventuali minacce: in sostanza difendere velivoli ed aeroporti per garantirne la piena operatività. L'iter addestrativo garantisce al personale oggi qualificatosi una Limited Combat Readiness, che gli consentirà di operare in seno al Battaglione Fucilieri dell'Aria. Adesso stiamo lavorando per il 5° bando interno di selezione per terminare l'implementazione dello Stormo».
Vale forse la pena di ricordare che lo scorso febbraio - nell'ambito del terzo corso - tre donne (delle quali due pugliesi) si sono qualificate Fuciliere dell'Aria.
Marisa Ingrosso

• PER SAPERNE DI PIU'

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione