Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 04:19

Bari - A Punta Perotti, conto alla rovescia per l'ultimo atto

Gli esperti della General Smontaggi utilizzeranno 350 chili di esplosivo e 3.500 metri di miccia per mandare giù, alle 10:30 precise, i 70mila metri cubi dell'ultimo pezzo del fabbricato B. Poi domani andrà giù il resto. La destinazione successiva dell'area non è stata ancora decisa • Il sindaco Emiliano: con questo secondo atto è l'inizio, non la fine
BARI - E' tutto pronto a Bari per l'ultimo atto della demolizione del complesso abusivo di Punta Perotti che sorge a sud del lungomare cittadino. Un'altra giornata di sole quella di oggi, come quella del 2 aprile scorso, giorno del primo atto della demolizione, che consentirà agli operai del cantiere di lavorare con maggiore tranquillità: non c'è, al momento, neanche il vento temuto nei giorni scorsi che avrebbe potuto far cadere le polveri sulla città.
Gli esperti della General Smontaggi utilizzeranno 350 chili di esplosivo e 3.500 metri di miccia per mandare giù, alle 10:30 precise, i 70mila metri cubi dell' ultimo pezzo del fabbricato B di Punta Perotti ancora in piedi e due terzi del blocco A. Lo stesso quantitativo di esplosivo venne utilizzato il 2 aprile scorso, quando venne abbattuto, in tre secondi, il primo dei tre edifici che si affacciano sul lungomare.

Domani, alla stessa ora, verranno demoliti con 150 chili di esplosivo e 1.500 metri di miccia i restanti 23mila metri cubi del blocco A. Anche questa operazione, come la precedente, è stata programmata in giorni prefestivi e festivi per creare meno disagio alla città e per aumentare - hanno detto nei giorni scorsi gli esperti - gli standard di sicurezza necessari all' abbattimento totale dei 30 piani ancora in piedi.
E come nel precedente intervento, sono stati messi in atto sistemi di controllo per evitare ogni pericolo ai cittadini che vivono nelle vicinanze: entro 200 metri, dalle 6:30 di stamani, è in corso l' interdizione totale a qualsiasi presenza umana, mentre nella fascia tra i 200 e i 300 metri sarà consentita la permanenza al coperto. Oltre i 300 metri l'eccezionale spettacolo è dunque di dominio pubblico. E già da qualche ora sono state piazzate le telecamere delle numerose televisioni, anche provenienti dall' estero, giunte a Bari per filmare l'operazione-abbattimento di quella che è stata definita dagli ambientalisti «la grande saracinesca» di Bari.

L'intervento di oggi proseguirà domani: sarà la volta del blocco A per il quale basteranno 150 chilogrammi di esplosivo e 1.500 metri di miccia. La minor quantità di esplosivo, naturalmente, non ridurrà gli standard di sicurezza, che saranno ugualmente rispettati. Oggi l' ultimo modulo del fabbricato B cadrà con direzione diversa rispetto a quella del 2 aprile: il palazzo verrà abbattuto verso la ferrovia e non verso nord, come invece per il corpo A. Domani l' ultimo modulo del corpo A cadrà anch'esso verso la ferrovia, proprio come l' ultima porzione del corpo B.

La novità - annunciata venerdì scorso dal sindaco di Bari, Michele Emiliano, e dagli esperti della General Smontaggi - consiste nel cambiamento delle modalità di demolizione di Palazzo Quistelli (il fabbricato C: non sarà più abbattuto con microcariche esplosive ma utilizzando un macchinario speciale dotato di un braccio operativo che raggiunge i 52 metri di altezza. Entro maggio sarà completato l'abbattimento di quest'ultimo fabbricato che verrà letteralmente frantumato, utilizzando questo escavatore cingolato, una specie di dinosauro roditore, una macchina dotata di potenti mascelle e denti ciclopici, capace di sminuzzare, partendo dall' apice, un edificio di una quindicina di piani: è conosciuto come PMI 980 Superlong Demolition, un macchinario di cui esistono solo 4 al mondo, dei quali due in Europa.
Da domani, dunque, sull'area di Punta Perotti, dopo 11 anni di incertezze e altalene burocratiche e giudiziarie, rimarranno solo materiali di risulta: una montagna alta 'quattro pianì, di cemento, ferro, sabbia e leganti vari. I detriti saranno lavorati sul posto diventando in sei mesi circa un granulato inerte che servirà come riempitivo necessario al ripristino dell' intera area (i materiali metallici verranno conferiti a impianti di recupero che a loro volta li daranno alle acciaierie).
La destinazione dell'area di Punta Perotti non è stata ancora decisa: il sindaco di Bari ha affidato la questione ad un concorso di idee alla Biennale di Venezia mentre il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, vorrebbe che fosse realizzato un parco da destinare soprattutto ai bambini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione