Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 09:30

Taranto - Per vendetta incendia auto

Dopo aver litigato con il gestore di una palestra gli ha fatto saltare in aria l'auto con una rudimentale molotov. Denunciato anche un complice, grazie a testimoni
TARANTO - Un uomo, Pierluigi Borgia, di 39 anni, è stato arrestato ed un altro, di 36, è stato denunciato dai carabinieri di Taranto in quanto ritenuti responsabili di aver appiccato le fiamme all'auto di proprietà del gestore di una nota palestra con il quale Borgia aveva litigato. L'incendio è stato appiccato la scorsa notte, intorno alle tre: i due - secondo quanto accertato dai carabinieri - con una bottiglia piena di liquido infiammabile poco prima di essere bloccati avevano appiccato il fuoco ad una New Beetle parcheggiata all'interno di un residence, in via Unità d'Italia. I carabinieri, dopo aver raccolto alcune testimonianze di persone che avevano visto allontanarsi due individui subito dopo il botto causato dal lancio della molotov, sono riusciti a rintracciare e a bloccare Borgia che era stato da qualche giorno allontanato dalla palestra per delle incomprensioni con il gestore, proprietario dell'auto data alle fiamme e andata completamente distrutta nell'incendio. Borgia è accusato di danneggiamento a seguito di incendio e detenzione e fabbricazione di materiale esplosivo. Il complice è stato denunciato per concorso negli stessi reati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione