Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 15:32

«I dirigenti Ilva non chiamano mai il 118»

Il dg dell'Ausl tarantina, Marco Urago, «indignato» per il comportamento della dirigenza del siderurgico in relazione ai soccorsi in caso di infortuni sul lavoro
TARANTO - Il direttore generale dell' Ausl tarantina, Marco Urago, si è detto «indignato» per il comportamento dell'Ilva in relazione ai soccorsi in caso di infortuni sul lavoro nello stabilimento siderurgico, giacchè i dirigenti aziendali non chiedono mai l'intervento del 118. E' quanto è accaduto - ha detto il direttore generale dell'Ausl - anche in occasione dell'ultimo incidente nel quale è morto un operaio ed altri tre sono rimasti intossicati. Per l'ultimo incidente del lavoro, le organizzazioni sindacali hanno indetto uno sciopero di 32 ore che si è concluso stamane e che ha visto l'adesione - secondo i promotori - dell'80% dei lavoratori.
Urago ha parlato del comportamento aziendale, a margine di una cerimonia per la prima sessione di laurea di "Tecniche della prevenzione dell' ambiente e nei luoghi del lavoro". «L'azienda - ha affermato Urago - non chiede mai l'ausilio del 118. Anche nel caso dell'incidente mortale non siamo stati coinvolti. Eppure il servizio 118 ha in dotazione ambulanze medicalizzate con bombole di ossigeno che sono apparecchiature fondamentali in caso di intossicazione da gas, come è avvenuto martedì scorso. E' un atteggiamento che non accetto e che va chiarito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione