Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 19:21

Bari - Lo uccisero per sbaglio: confessano

Colpo di scena al processo per l'omicidio di Gaetano Marchitelli (16 anni), ucciso per errore nel 2003 a Carbonara durante una sparatoria tra clan rivali
BARI - Udienza con colpo di scena al processo per l'omicidio di Gaetano Marchitelli il giovane di 16 anni, garzone di una pizzeria, ucciso per errore il 2 ottobre del 2003 a Carbonara di Bari durante una sparatoria tra gruppi criminali rivali. Giovanni Partipilo e Francesco Frasca, entrambi 21enni, arrestati il 31 agosto del 2004 nell'ambito delle indagini della Direzione distrettuale antimafia e di Carabinieri e Polizia sulla morte del ragazzo ma detenuti per altri episodi della guerra di mafia tra i Di Cosola e gli Strisciuglio che caratterizzò l'estate e l'autunno di quell'anno, hanno confessato davanti alla corte di essere tra gli autori materiali del delitto.
Quella sera, come già accertato, gli obiettivi erano i cugini Michele e Raffaele Abbinante che sostavano davanti alla pizzeria e che rimasero seriamente feriti. Quando il gruppo di fuoco, a bordo di un'Audi, guidata da Domenico Masciopinto, pregiudicato di 19 anni (già condannato a 20 anni di reclusione in un altro processo con rito abbreviato) passò davanti alla pizzeria, dall'automobile, precisamente dal finestrino e dal tettuccio, furono esplosi diversi colpi da due pistole e da un fucile calibro 12, caricato a pallettoni, che raggiunsero il povero Marchitelli, i cugini Abbinante e un altro ragazzo di 14 anni, anche lui estraneo ai fatti che rimase ferito in maniera più lieve.
Con la confessione dei due giovani risulterebbe alleggerita la posizione di coloro che, secondo i primi accertamenti, avrebbero fatto parte del gruppo di fuoco e cioè i fratelli Luigi e Vincenzo Guglielmi, di 24 e 21 anni, detenuti, e Francesco Costa, di 26 anni, di Siderno (Reggio Calabria), libero per un difetto di notifica. Ma anche la posizione di Masciopinto, nipote del presunto boss Antonio Di Cosola, risulterebbe alleggerita. Nell'inchiesta sull'omicidio Marchitelli venne coinvolto e arrestato anche un minorenne appartenente alla famiglia Di Cosola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione