Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 00:38

Tribunale: «sì» a rigassificatore Brindisi

Respinto il reclamo del Comune che riteneva necessaria la procedura di valutazione di impatto ambientale in sede di autorizzazione dei lavori. Il sindaco: mi rammarico
BRINDISI - Il Tribunale di Brindisi ha respinto il reclamo proposto dal Comune capoluogo contro la realizzazione da parte della società Brindisi Lng del rigassificatore. Per la società si tratta di un ennesimo via libera alla costruzione dell'impianto in località Capo Bianco.
Nel reclamo il Comune aveva sostenuto che nel rilascio dell'autorizzazione alla costruzione dell'impianto non era stata considerata la necessità di esperire la procedura di valutazione di impatto ambientale.
Per la decisione del Tribunale, il sindaco di Brindisi Domenico Mennitti ha espresso «rammarico». «Pur nel doveroso rispetto del provvedimento adottato dall'autorità giudiziaria - ha detto - non posso non rilevare come il Tribunale, nel momento in cui esclude che allo stato l'impianto possa considerarsi pericoloso e che l'eventuale pericolosità debba valutarsi nel momento in cui, a costruzione esaurita, dovrà prendersi in esame il rischio derivante dalla sua messa in esercizio, abbia avuto riguardo soltanto alla tutela della salute pubblica ed abbia invece omesso di considerare la tutela della integrità ambientale». Per quest'ultima, infatti, secondo Mennitti, «costituisce lesione anche la sola costruzione dell'impianto, che comporterà la colmata di ben diciotto ettari di mare e la collocazione all'interno del porto e in prossimità della città di alcuni serbatoi di proporzioni enormi con un impatto visivo ambientale che è facile immaginare».
«Il Tribunale - ha concluso Mennitti - non ha neppure considerato che la pericolosità deriva anche soltanto dalla circostanza che il rigassificatore è inserito in una zona classificata ad alto rischio ambientale». In sintesi, secondo Mennitti, con questo provvedimento «i giudici hanno affermato: prima si costruisca il rigassificatore e poi si vedrà se è pericoloso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione