Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 09:34

Truffa ad Asl Ba 5: quattro arresti

Tra i fermati tre dipendenti dell'Azienda Sanitaria e un imprenditore, non fecero controlli di qualità su prodotti alimentari
BARI - Associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, abuso d'ufficio ed altri reati: sono le accuse, a vario titolo, nei confronti di tre dipendenti dell'Azienda Sanitaria Bari 5 e del rappresentante legale di una ditta che opera nell'ambito dei controlli Haccp (sistema di gestione di sicurezza degli alimenti), arrestati dalla Guardia di Finanza di Monopoli. Si tratta di G.M., 57 anni, V.L., 58, P.F., 52, e A.B., 51, quest'ultimo posto agli arresti domiciliari.
L'operazione è stata denominata 'Cold Meats'. Sequestrate anche due società, la 'Quality Systems' e la 'Euro Q.S.', entrambe con sede a Polignano a Mare. Secondo il gip del Tribunale di Bari Giuseppe De Benedictis che ha accolto le richieste del pubblico ministero Francesca Romana Pirrelli, per trarre un illecito profitto, il sistema prevedeva di comunicare all'Azienda Sanitaria, un quantitativo inferiore rispetto a quello reale, del numero dei capi di bestiame macellati nello stabilimento di Conversano e per i quali, ogni stabilimento di macellazione è tenuto a pagare alla Asl di competenza dei tributi, secondo una tabella predefinita.

In questo modo la differenza confluiva nelle casse della 'Quality Systems', mascherandola così, come prestazione di autocontrollo sanitario resa, ma, di fatto, mai avvenuta. Secondo quanto accertato dalle indagini della Gdf, la 'Quality Systems', che opera in esercizi commerciali convenzionati, fungeva da collettore delle somme, che venivano sottratte all'Azienda Sanitaria, anche con l'emissione di fatture per operazioni inesistenti. Altri medici veterinari, dipendenti della stessa Azienda Sanitaria, sono stati denunciati a piede libero.

Anche il settore dei prodotti ittici, non è rimasto immune da episodi illeciti. Infatti, anche qui era stato creato dagli arrestati, un regime di monopolio per l'espletamento delle pratiche di autocontrollo sanitario (Haccp) a favore della 'Quality Systems', al quale i commercianti del luogo dovevano sottostare e pagare per ricevere il relativo certificato di autocontrollo sanitario senza il previsto sopralluogo, evitando, così, fastidiose ispezioni. Oltre alle quattro persone colpite dalle ordinanze di custodia cautelare, sono state segnalate, alla Autorità Giudiziaria, 38 persone, tra dirigenti e medici veterinari, e accertato un danno erariale complessivo nei confronti della Ausl di Putignano di circa 400.000 euro. Proseguono le indagini, per scoprire ulteriori truffe in danno del Servizio Sanitario Nazionale e per tutelare la salute pubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione