Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 02:21

Sfida in moto a folle velocità: 16 denunce

Prediligevano un rettilineo sulla SP 129 Sava-Torricella, nel Tarantino, per lanciare i loro bolidi (fino a 267 km/h). Questa volta però li aspettava la Polstrada
MANDURIA (Ta) - Sfrecciavano sulla provinciale 129 Sava-Torricella, nel Tarantino, a bordo delle loro moto in gare di velocità in cui si potevano raggiungere anche i 267 chilometri all'ora: questo, mentre transitavano ignari automobilisti diretti soprattutto verso la località marina di Torre Ovo. Lo hanno scoperto gli agenti del distaccamento di Manduria (Taranto) della Polizia stradale che hanno denunciato 16 persone sequestrando altrettante moto, per lo più di fabbricazione giapponese.
A partecipare alle gare erano giovani dai 25 ai 30 anni provenienti in gran parte da Francavilla Fontana (Brindisi) e alcuni da Manduria, che avevano scelto come percorso un rettilineo di circa quattro chilometri sulla provinciale Sava-Torricella.
Gli agenti hanno ritirato 16 carte di circolazione e altrettante patenti di guida: nei confronti dei titolari sarà emesso un provvedimento di sospensione dalla guida del veicolo per un periodo da uno a tre anni, come prevede l'articolo 9 ter introdotto nel 2003 col nuovo codice della strada. Quando ci saranno le eventuali sentenze di condanna nei confronti di chi partecipava alle gare, i loro veicoli potranno essere confiscati.
Quelle che venivano fatte erano gare clandestine, senza spettatori, dietro le quali - hanno spiegato in una conferenza stampa il comandante della Polstrada di Taranto, Dolores Rucci, e alcuni dirigenti del distaccamento di Manduria - non si sa ancora se agisse una vera e propria organizzazione. Al momento non c'è traccia di scommesse illegali, ma le indagini sono ancora in corso.
L'indagine è partita dalla segnalazione di alcuni cittadini della zona. Le gare si svolgevano prevalentemente il sabato pomeriggio e la domenica mattina. Gli agenti della Polstrada si sono appostati e per tre fine settimana consecutivi hanno monitorato il fenomeno, finchè ieri hanno bloccato i 16 centauri durante l'ennesima gara. Uno di loro, quando si è visto scoperto, ha tentato di fuggire ma è andato a sbattere con la moto contro un'auto della polizia, senza riportare conseguenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione