Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 07:53

Anche a Bari la Giornata dei "clown in corsia"

Clownterapia: il capoluogo pugliese sarà una delle 34 piazze italiane - domenica 2 aprile - della seconda "Giornata del Naso Rosso". Appuntamento in via Sparano (chiesa di San Ferdinando), per la raccolta fondi destinata a tre progetti
Clownterapia BARI - Anche Bari è tra le 34 piazze italiane che domenica 2 aprile ospiteranno la seconda "Giornata del Naso Rosso".
In via Sparano, all'altezza della Chiesa di San Ferdinando, il Gruppo di Bari della Federazione VIP Viviamoinpositivo, costituitosi a dicembre dello scorso anno, allestirà un gazebo per promuovere le attività dell'Associazione che porta la clownterapia nelle corsie degli ospedali, soprattutto pediatrici, per aiutare la guarigione con un sorriso.
Per tutta la giornata i clowns si esibiranno in mini spettacoli, giocoleria, truccabimbi e giochi per bambini e distribuiranno i "nasi rossi", caratteristico simbolo dei clowns di tutto il mondo, a quanti vorranno collaborare con un offerta, anche piccola, alle attività della Federazione VIP Viviamoinpositivo che sta portando avanti in particolare tre grandi progetti.
Il primo, "Ospedali Italiani", è destinato a raccogliere fondi per gli ospedali locali serviti dai volontari clowns di corsia. Gli altri due sono rivolti ad alleviare il disagio minorile: con il "Progetto un clown in famiglia" si vuole garantire l'assistenza domiciliare clown a bambini con patologie croniche gravi e con il "Progetto Circo-stanza" l'ampliamento dell'atelier socio educativo di Arti circensi per minori a rischio nelle aree di disagio.
Federazione VIP Viviamoinpositivo conta ad oggi 31 Associazioni federate distribuite su tutto il territorio nazionale e circa 1600 volontari clown che hanno frequentato appositi corsi di formazione per portare settimanalmente il sorriso in 83 ospedali, 30 Case di riposo e molti centri per portatori di handicap.
A livello nazionale, inoltre, la Federazione, in collaborazione con organismi laici e religiosi, attua progetti di cooperazione in Paesi in via di sviluppo, e, in collaborazione con molte case editrici italiane , sta organizzando il progetto "Un naso rosso per la cultura" per donare libri agli ospedali cittadini delle città di riferimento.
Anche con il contributo di Bari, in questa seconda giornata nazionale di incontro con i cittadini, i "Nasi Rossi" contano di poter diffondere informazioni sulla clownterapia, accolta ormai in moltissimi ospedali come strumento non secondario per aiutare la guarigione, soprattutto dei piccoli pazienti, e di poter superare la cifra raccolta nella prima giornata del naso rosso che lo scorso anno potè destinare 25.000 euro alla "Cittadella della Vita" che opera in Somalia ed al Progetto Circo-stanza per aiutare i minori a rischio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione