Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 16:11

«Entro l'estate via la nave incagliata»

Il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso ha assicurato la rimozione della nave turca "Hani Ana" incagliata dal 6 febbraio vicino Costa Merlata (Ostuni)
BRINDISI - Il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso, dopo un sopralluogo, ha assicurato, durante una conferenza stampa nei pressi della nave mercantile turca "Hani Ana" incagliata dal 6 febbraio vicino Costa Merlata (Ostuni), che «al termine delle operazioni di bonifica, scatterà il piano di protezione civile e la motonave sarà rimossa». «Sui tempi - ha aggiunto - mi impegno a concludere questa operazione, che non sarà facile, prima dell'inizio della stagione estiva».
Le operazioni di bonifica consisteranno nello svuotare la parte restante di carburante, e soprattuto acqua e olio combustibile contenuti ancora nell'imbarcazione e poi riparare le falle dall'interno di una stiva. Infine la nave verrà trainata nel porto di Brindisi. Dal momento dell'incidente, accaduto in una giornata di maltempo mentre la nave tornava in patria, le autorità locali, in primis il sindaco di Ostuni Domenico Tanzarella, chiedono la rimozione della nave anche per non compromettere la stagione turistica.
«Il costo - ha spiegato Bertolaso - si aggira intorno al milione e mezzo di euro che saranno messi a disposizione dal dipartimento nazionale della Protezione Civile, garantendo a questa terra bellissima, la possibilità di una stagione turistica tranquilla». «Abbiamo seguito dal primo minuto la situazione della nave incagliata - ha proseguito Bertolaso - parlando più volte con il prefetto di Brindisi, con il sindaco, con le autorità politiche, con il Comandante della Capitaneria di Porto».
«Abbiamo fatto in modo - ha detto Bertolaso - che venissero adottati tutti i provvedimenti di carattere burocratico che hanno consentito al ministero dell'Ambiente, quest'opera di bonifica essenziale per la successiva rimozione. Ho parlato ora con le maestranze della ditta Castalia e voglio ricordare che anche in campo di disinquinamento ambientale, l'Italia non ha da imparare da nessuno, anzi può aiutare anche altri Paesi. E' un lavoro molto difficile, ma i tecnici mi hanno assicurato che entro il 9 aprile sarà tutto finito per quanto riguarda l'opera di bonifica».
«A quel punto - ha proseguito - scatterà il piano della Protezione civile che mi appresto a discutere con il presidente Vendola e che ho già comunicato al sindaco e al prefetto. Faremo la dichiarazione dello "Stato di emergenza" e grazie a quella, con tutte le deroghe che verranno previste, sarà la Protezione civile che si farà carico, autorizzando le autorità locali e soprattutto il Comandante della Capitaneria di Porto e delle altre strutture, a rimuovere la nave».
«La nave è in apparente buono stato - ha continuato - ma sotto vi sono diverse falle che non sono state tutte verificate nel dettaglio perchè, ovviamente, c'è ancora gasolio e non c'è visibilità. Quando la nave sarà stata bonificata si farà uno screening di tutta quella che è la situazione della carena, si metteranno a posto le eventuali falle; dopo la nave sarà agganciata e trainata via nel porto di Brindisi». Soddisfatto il sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella che ringraziato Bertolaso «per la sensibilità e attenzione che ha avuto sin dal primo momento nei confronti di un problema che era di tutto il territorio». «Prendo atto e mi auguro, conoscendolo - ha detto - che l'impegno che ha assunto oggi pubblicamente possa essere onorato salvo imprevisti che, per carità, non dipenderanno da lui».
«Ringrazio il Prefetto - ha aggiunto - perchè questo testimonia ancora una volta che gli Enti locali e tutte le strutture, si sono fatte carico di un problema che non era solo di Ostuni o della costa ma di una regione che fa del turismo, uno dei suoi cavalli di battaglia. Questo è un problema di tutti e speriamo di continuare a lavorare insieme nella unica direzione possibile, cioè quella di liberarci da questo ingombrante ospite. Poi credo che daremo la cittadinanza onoraria al dottor Bertolaso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione