Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 12:02

Marchio Emas a scuola di certificazione ambientale della Regione Puglia

«Dalla sua istituzione l'anno scorso - ha detto Gasperi, direttore della scuola - le imprese registrate Emas in Puglia sono oggi tredici, tra cui Alenia, Getrag e il Consorzio di gestione di Torre Guaceto»
BARI - Ha ricevuto la bandiera Emas la scuola di certificazione ambientale della Regione Puglia, istituita su iniziativa dell'assessorato all'Ecologia in partenariato con Arpa e Confindustria regionali e con Aforis (Agenzia di formazione e ricerca sostenibile).
Il riconoscimento, il primo in Italia a una scuola regionale, è stato consegnato dal presidente del comitato Ecolabel Ecoaudit, Pino Lucchesi, all'assessore regionale all'Ecologia, Michele Losappio, «per l'impegno profuso nella promozione della certificazione ambientale attraverso l'attività formativa di questa scuola di alta specializzazione in campo ambientale».
All'incontro hanno partecipato Giorgio Assennato, direttore generale Arpa Puglia, Giovanni Mongelli, presidente di Confindustria Puglia, Barbara Torraco, presidente di Aforis, e Gian Maria Gasperi, direttore della scuola. La scuola - è stato detto - forma figure professionali qualificate e riconosciute a livello nazionale e comunitario, in grado di assistere le organizzazioni pubbliche e private nel settore della certificazione ambientale con particolare riferimento ai sistemi di gestione ambientale applicabili e riconosciuti a livello europeo (Emas) e internazionale (Iso 14000).
Per Losappio, «l'iniziativa di una scuola di certificazione ambientale rientra in un quadro più generale di interventi, come il regolamento sui materiali inerti e sulla possibilità di riutilizzarli, lo schema di disegno di legge sugli appalti verdi nella pubblica amministrazione e la proposta di legge che stiamo predisponendo sull'amianto».
«Abbiamo intenzione - ha proseguito - di operare sul versante fiscale, con una riduzione per le aziende che vogliano ottenere la certificazione Emas».
«Dalla sua istituzione l'anno scorso - ha detto Gasperi - le imprese registrate Emas in Puglia sono oggi tredici, tra cui Alenia, Getrag e il Consorzio di gestione di Torre Guaceto». Lucchesi infine ha sottolineato che «nell'impostazione politica del lavoro di diffusione dell certificazione ambientale la Regione è un interlocutore fondamentale. Pensiamo - ha concluso - alla sottoscrizione di un accordo di programma per dare un rilievo formale a questo impegno comune sul territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione