Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 02:21

Cultura: da Bari iniziativa italo-albanese

Presentato, a Tirana, il Progetto VLERAT/VALORI per la cooperazione istituzionale e culturale. Capofila è l'Ifoc della Camera di commercio del capoluogo pugliese
firma accordo Tirana IfocTIRANA - «Non abbiamo nulla da insegnare a nessuno, ma possiamo far emergere i valori che ci sono», lo ha affermato Luigi Triggiani, responsabile del Centro per il Commercio Estero della Puglia in Albania nel corso della conferenza stampa di presentazione del Progetto VLERAT/VALORI a Tirana, dove c'è stato l'incontro ufficiale tra partner italiani e albanesi per sottoscrivere l'accordo di cooperazione che è alla base del Progetto. Promosso nell'ambito del Programma di iniziativa comunitaria Interreg III A, Italia-Albania Asse IV, Sviluppo della Cooperazione Istituzionale e Culturale, azione 1 VLERAT/VALORI si propone di avviare un confronto-scambio tra referenti pubblici e privati operanti nei settori dell'istruzione, della formazione, dei media, dell'economia e della cultura dei due paesi. Le azioni di progetto sono coordinate da IFOC, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Bari, capofila di una cordata di dieci partner italiani e albanesi.
«IFOC non è solo formazione - ha ricordato il direttore Nicola Mastrandrea - ma anche cultura imprenditoriale e ricerca», sottolineando che la Camera di Commercio di Bari rappresenta una delle colonne portanti del Centro Estero per la Puglia. «L'obiettivo finale di questo progetto - ha spiegato il coordinatore Dino Lovecchio - è quello di creare una mostra-evento multimediale itinerante per raccontare cultura e tradizioni albanesi; l'obiettivo strategico consiste invece nel creare una rete, consolidando il partenariato in una serie di azioni concrete, che non si esauriscano con la fine del progetto». Tanto più che «non si tratta di partenariati inventati» ha fatto notare Marilena Pinca, responsabile dello Sportello Informativo per la Cooperazione della Regione Puglia a Tirana, ma di progetti «creati insieme» da albanesi e italiani. «I progetti Interreg in Albania - ha aggiunto la Pinca - sono molto importanti in quanto coinvolgono tutto il territorio e portano a risultati concreti».

IL PROGETTO
Il progetto, che si svolgerà nell'arco di diciotto mesi, vedrà come terreno delle azioni le province di Bari, Brindisi e Lecce a fianco a quelle d'oltre Adriatico di Tirana, Korcia, Saranda, Berat, Valona, Trapoja e Fier. L'obiettivo a lungo termine è quello di valorizzare risorse e potenzialità di una terra come l'Albania, che vuole offrire una nuova immagine di sé e della propria cultura, al di là delle contraddizioni in cui ancora si dibatte.
L'idea è dunque di avviare un confronto-scambio tra i referenti istituzionali dei due paesi operanti nei settori dell'istruzione, della formazione, dei media, dell'economia e della cultura "in funzione di un accrescimento di competenze e know how da parte del partenariato e delle comunità albanesi".
A questo obiettivo finale si potrà arrivare attraverso una serie di azioni di supporto e di assistenza tecnica agli enti pubblici e privati albanesi nel campo della formazione professionale, della programmazione dello sviluppo economico e delle strategie del mercato del lavoro, così come nella promozione delle nuove tecnologie.
Il progetto prevede infatti la realizzazione di workshop per lo scambio di esperienze in settori di interesse strategico; la creazione di laboratori di lingua italiana per docenti e dirigenti scolastici albanesi; la selezione e traduzione di materiale letterario da utilizzare e promuovere nell'ambito della mostra evento conclusiva; la realizzazione di percorsi professionalizzanti per giovani albanesi nel settore della multimedialità; l'organizzazione di una mostra-evento conclusiva, multimediale ed itinerante che abbia lo scopo di raccontare e divulgare cultura e tradizione albanesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione