Domenica 22 Luglio 2018 | 16:57

«Cirfeta non s'è suicidato, voleva testimoniare»

BUSTO ARSIZIO (VARESE) - E' stata eseguita oggi pomeriggio, all'ospedale di Busto Arsizio, l'autopsia sul corpo di Cosimo Cirfeta, il boss della Sacra Corona Unita, morto venerdì sera nel carcere di Busto Arsizio dove era rinchiuso.
Il medico legale Massimo Levratti non ha riscontrato ecchimosi o traumi e si è riservato 30 giorni per presentare al sostituto procuratore Criatiana Roveda la relazione, dovendo attendere l'esito degli esami tossicologici. Cosimo Cirfeta - secondo i primi rilievi - è morto annusando il gas della bomboletta del fornelletto usato per preparare il caffè. Un'abitudine diffusa fra i detenuti, ma che stavolta è costata la vita al collaboratore di giustizia che aveva testimoniato nel processo di Palermo a favore del senatore Marcello Dell'Utri, sostenendo che alcuni pentiti si erano messi d'accordo per accusare il parlamentare di rapporti con la mafia.
I legali che assistevano Cirfeta, gli avvocati Alfredo Biondi e Pasquale Tonani, sostengono che il loro assistito non può essersi suicidato in quanto, proprio il giorno prima, aveva scritto ai difensori dicendo che voleva testimoniare al processo di Palermo «il che contrasta - dice l'onorevole Alfredo Biondi - con qualsiasi volontà suicida».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS