Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 22:48

Salotti - Protocollo d'intesa per il distretto

I presidenti delle regioni Basilicata e Puglia, Vito De Filippo e Nichi Vendola: faremo investimenti concreti per sostenere le imprese del mobile imbottito
MATERA - Basilicata e Puglia faranno fino in fondo la loro parte per sostenere il protocollo d' intesa per il distretto del mobile imbottito, sia con risorse proprie sia per stimolare il Governo su fondi nazionali e della programmazione europea.
Lo hanno ribadito i Presidenti delle due Regioni, Vito De Filippo e Nichi Vendola, nel corso di un incontro con i giornalisti, dopo la firma dell' intesa con il Ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola, oggi, a Matera.
«Siamo pronti - ha detto De Filippo - a mettere non solo impegni di principio, ma anche risorse proprie e la Basilicata l' ha già fatto. Un concreto atto dovrebbe essere quello che il Governo, avendo descritto la Finanziaria la possibilità di sperimentazione nei distretti, scelga per farlo uno dei più interessanti del Mezzogiorno, come il distretto del mobile imbottito. Se ci fosse questo atto saremmo contenti di poter dire che, insieme alla firma del Protocollo, il Governo ha cominciato a fare cose concrete a favore di questo territorio. Non c' è più tempo da perdere, lo impone la crisi del mobile imbottito».
Il Presidente della Regione Puglia ha indicato nel coinvolgimento delle regioni del Sud una opportunità per dar forza ai contenuti del protocollo d' intesa: «Faremo la nostra parte - ha spiegato Vendola - sia per le difficoltà delle nostre imprese sia per rafforzare questo territorio, sotto diversi aspetti. Confidiamo, in base a quanto detto dal Ministro Scajola, che ci possa essere un segnale concreto delle risorse finanziarie da parte del Governo perchè, altrimenti, se non si mette insieme il portafoglio delle Regioni con quello del Governo, alla fine non ce la facciamo. Ma possiamo fare di più - ha concluso Vendola - anche con l' apporto delle Regioni del Mezzogiorno su altri temi, come le infrastrutture e l' innovazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione