Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 22:16

Bari - Un Pharos tra le biblioteche

L'obiettivo principale è lo sviluppo di una rete integrata che possa far dialogare le biblioteche della provincia per un servizio migliore a cittadini e studenti
BARI - Il progetto si chiama Pharos, è un progetto interattivo di biblioteca on line - Il logo è il faro di Alessandria - è patrocinato dall'Aib, l'associazione biblioteche italiane e ospitato e accolto dalla Teca del Mediterraneo. Il benvenuto, ai responsabili delle biblioteche della provincia di Bari cui è stato illustrato il progetto, è del direttore della Teca del Mediterraneo Waldemaro Morgese.
«La frontiera dell'innovazione tecnologica è una frontiera scelta da noi sin dall'inizio dell'attività - ha detto Morgese - Pharos va proprio in questa direzione ed è per questo che abbiamo scelto di ospitarlo, anche dedicando loro una pagina sul nostro sito».
Anche per Maria Abenante, segretaria regionale dell'Aib nonchè operatrice della Teca, «esperienze di questo genere vanno supportate perchè l'eccezione sul nostro territorio possa diventare finalmente una normalità così come accade in altre regioni e in altri paesi europei».

L'obiettivo principale di Pharos, per ora un modello messo a punto da Expleo informatica, è lo sviluppo di una rete integrata che possa far dialogare le biblioteche della provincia di Bari. Ma non solo.
L'interattività con i cittadini, con le associazioni e le imprese è l'altro punto di forza del progetto, già testato presso la biblioteca di Psicologia dell'Università di Bari.
Insomma l'idea è quella di far tornare in auge le biblilteche, farle diventare più dinamiche anche attraverso il supporto delle tecnologie informatiche, perchè l'interazione diventi sempre più positiva. Da una recente indagine compiuta sui ragazzi dai 14 ai 22 anni, è risultato che il 98% di loro non aveva mai frequentato una biblioteca negli ultimi tre mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione