Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 14:10

Nomine Fondazione Petruzzelli - Divella: ci vuole concertazione

Così il Presidente della Provincia di Bari all'indomani delle nomine ratificate ieri, nel corso del Consiglio di Amministrazione, dal Sovrintendente della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, Giandomenico Vaccari
BARI - «Nulla da obiettare sui poteri di nomina dei consulenti che la legge conferisce al Sovrintendente, ma, forse, non era il momento adatto per portare a ratifica questi incarichi, vista la particolarità della stagione elettorale e politica». E' quanto afferma il Presidente della Provincia di Bari Vincenzo Divella all'indomani della polemica sulle nomine ratificate ieri, nel corso del Consiglio di Amministrazione, dal Sovrintendente della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, Giandomenico Vaccari. «Se tali nomine, così importanti e relative a figure professionali così qualificate - continua Divella - fossero state concertate e discusse precedentemente con i soci fondatori, anche a livello informale, non avremmo assistito all'ennesima spaccatura all'interno del cda che, ancora una volta, ha offerto alla città un'immagine di litigiosità, allontanando l'attenzione dagli obiettivi principali della Fondazione».
«La mia perplessità - prosegue il Presidente della Provincia - non è sulle modalità seguite dal Sovrintendente, nè sull'entità degli emolumenti o sulla professionalità e utilità dei consulenti nell'ambito dell'organigramma della Fondazione, ma sulla mancanza di condivisione, necessaria in questo delicato momento politico.
La stessa condivisione che più volte abbiamo sperimentato essere il segreto di un buon governo a tutti i livelli. Se si vuole rilanciare questa Fondazione che porterà, dopo decenni, alla ricostruzione del teatro Petruzzelli, bisogna operare in un clima di dialogo e di coinvolgimento generale di tutti i soci fondatori. Un dialogo - conclude - che deve interessare ogni singolo membro della Fondazione: Presidente, Sovrintendente, Direttore artistico e gli altri membri del Consiglio di Amministrazione. Altrimenti non si farà altro che sedimentare inutili rancori e insoddisfazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione