Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 23:52

Ulivo alla Camera e Ds al Senato: le liste

Alla Camera, dopo Massimo D'Alema, Beppe Fioroni (Margherita) e il prodiano Paolo De Castro. Al Senato, dopo Cesare Salvi, il dalemiano Nicola Latorre
BARI - Presentate le liste dell'Ulivo alla Camera e Ds al Senato per il 9 e il 10 aprile prossimo. Ai primi tre posti non ci sono novità nella lista unitaria dell'Ulivo per le elezioni della Camera in Puglia: nell'ordine Massimo D'Alema (Ds), Giuseppe Fioroni (Margherita) e Paolo De Castro (prodiano). E' in settima posizione la candatura più interessante: Khaled Fouad Boumediene, algerino di 50 anni. Gli altri candidati sono i segretari regionali di Ds e Margherita Michele Bordo (4°) e Gero Grassi (5°), al sesto la deputata uscente della Quercia Alba Sasso, al numero 12 l'ex direttore dell'Unità Peppino Caldarola, al 14 l'economista Ds Nicola Rossi, al 15 l'ex deputata Giusy Servodio (Margherita).
Al 16° Vincenzo Vita, esperto di informazione. Al 17° l'uscente senatore della Margherita Antonio Gaglione, la cui posizione troppo defilata in lista è stata contestata da alcuni circoli della Margherita del Brindisino ma per il quale potrebbe schiudersi qualche incarico governativo in caso di vittoria del centrosinistra.

CESARE SALVI CAPOLISTA DS AL SENATO
Il vicepresidente del Senato, Cesare Salvi, nativo di Lecce, è il capolista dei Democratici di Sinistra in Puglia nello stesso ramo del Parlamento alle elezioni politiche del 9 e 10 aprile. Seguono gli uscenti Nicola Latorre e Alberto Maritati. Al quarto posto Colomba Mongiello, foggiana e il deputato uscente Donato Piglionica.
Al numero 7 c'è Cosimo Faggiano, che sfiorò l'elezione alla Camera nella scorsa legislatura in favore del deputato di Forza Italia (poi Mpa) Luciano Sardelli. A Faggiano non furono riconosciuti in una sezione di Latiano, nel Brindisino, un centinaio di voti che furono per errore attribuiti a Sardelli.
Nonostante una serie di ricorsi del diessino, Sardelli è rimasto deputato fino alla fine della legislatura. Per Faggiano la candidatura rappresenta anche una sorta di risarcimento. All'8° e al 9° posto gli ex sindaci di Andria e Ruvo di Puglia, Vincenzo Caldarone e Lia Caldarola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione