Cerca

Lunedì 22 Gennaio 2018 | 03:17

Foggia - Uccise fidanzata: condannato

Alessandro Vacca uccise con una pietra il 22 aprile 2005 a Lucera la sua ragazza di 15 anni, Giovanna Tanese, dopo un violento litigio. Finse un rapimento
FOGGIA - E' stato condannato a trent'anni di reclusione Alessandro Vacca, 26 anni, il ragazzo accusato di aver ucciso la sua fidanzata Giovanna Tanese, la quindicenne assassinata a Lucera il 22 aprile dello scorso anno. E' quanto ha deciso nel primo pomeriggio di oggi il gup Filomena Mari, al termine del processo che si è celebrato con il rito abbreviato.
Giovanna Tanese, secondo la ricostruzione degli investigatori, morì per le ferite riportate dopo un violento litigio con il fidanzato perchè la ragazza voleva troncare la relazione. I due si incontrarono in un casolare in località Bosco Cinino e dopo aver discusso lui la colpì alla testa con una pietra e poi la finì con diverse coltellate al corpo.
Credendo che fosse morta Vacca scappò e dopo essersi cambiato gli abiti raccontò ad una pattuglia della polizia stradale che lui e la fidanzata erano stati rapiti: lui era però riuscito a liberarsi mentre non sapeva dove fosse la ragazza. Un racconto con molte contraddizioni e che non convinse gli investigatori. Dopo alcune ore di interrogatorio Vacca raccontò tutta la verità portando gli agenti nel casolare dove si trovava la ragazza. Giovanna era ancora in vita, ma agonizzante: morì la notte successiva.
In aula questa mattina Alessandro Vacca, prima della lettura della sentenza, ha rilasciato dichiarazioni spontanee chiedendo perdono alla famiglia della vittima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400