Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 19:40

Dal 2 aprile giù a Punta Perotti

Le modalità e le date stabilite da una conferenza di servizio al Comune. Si procederà in giornate festive e parafestive per il minor disagio possibile ai cittadini
BARI - Il 2, il 23 e il 24 aprile (le prime due sono domeniche, la terza è un lunedì prefestivo) sono le date stabilite da una conferenza di servizio tenuta stamane al Comune di Bari per l'abbattimento del complesso edilizio di Punta Perotti che sorge sul Lungomare sud, dichiarato abusivo e confiscato dalla Corte di Cassazione.
La scelta di procedere alla demolizione in giornate festive e parafestive (il 24 precede il giorno della Liberazione) è stata dettata dall'esigenza di individuare date e fasce orarie che consentissero di arrecare il minor disagio possibile ai cittadini e ai viaggiatori sulle vicine linee ferroviarie e di garantire le migliori condizioni di sicurezza. Le date dovranno essere valutate anche in relazione alle prescrizioni che verranno poste dal Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, coordinato dalla Prefettura, e dalla Commissione Provinciale per gli Esplosivi, coordinata dalla Questura, che saranno convocati già nella prossima settimana.

Al tavolo di lavoro erano presenti gli assessori Cinzia Capano (su delega del sindaco), Ludovico Abbaticchio, Simonetta Lorusso e Maria Maugeri, l'ingegner Colaianni, responsabile del procedimento, l'ingegner Muciaccia, direttore dei lavori, i rappresentanti della ditta General Smontaggi di Novara, che ha vinto la gara d'appalto, la Prefettura, la Questura, la Provincia, Rfi, Trenitalia, Comando dei Vigili del Fuoco, Capitaneria di Porto, Asl Ba/4, Acquedotto Pugliese, Amgas, Telecom, Arpa, Enac, Enav, Enel.
Sempre questa mattina è stata depositata, dalla V sezione del Consiglio di Stato, l'ordinanza con cui viene rigettata l'impugnazione contro l'aggiudicazione della gara alla General Smontaggi. Superati così gli ostacoli di carattere giudiziario, la ditta ha illustrato le modalità attraverso le quali procederà alle tre fasi di demolizione.
Nella prima fase saranno demoliti i due terzi dell'immobile più grande (fabbricato Matarrese). Nella seconda fase verrà abbattuto l'ultimo modulo del primo fabbricato e i due terzi dell'immobile posto parallelamente (secondo fabbricato Matarrese).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione