Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 14:15

Taranto - Chieste 18 condanne per traffico di droga

Secondo l'accusa, la droga (eroina e cocaina) arrivava dall'Albania e veniva scaricata nel territorio brindisino per essere poi distribuita anche nel capoluogo jonico
TARANTO - Diciotto condanne sono state chieste oggi dal pubblico ministero Remo Epifani, nell'udienza preliminare con rito abbreviato dinanzi al gup del Tribunale di Taranto Ciro Fiore, nei confronti di altrettante persone imputate di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. La pena più alta, dieci anni di reclusione, è stata chiesta per il pregiudicato tarantino Alberto Cesario, considerato il punto di riferimento per lo spaccio di droga; la pena minima per Francesco Marangione: un anno e dieci mesi. Nella prossima udienza, il 15 marzo, inizieranno le arringhe che proseguiranno nelle udienze già fissate per il 19 aprile e il 17 maggio; la sentenza è prevista per il 7 giugno.
I 18 imputati vennero coinvolti in un'operazione antidroga della polizia che il 5 ottobre 2004 portò all'arresto di 30 persone, accusate a vario titolo di aver partecipato ad un traffico di sostanze stupefacenti con base nel quartiere Paolo VI di Taranto. Alcuni imputati hanno scelto di essere giudicati con riti alternativi. Secondo l'accusa, la droga (eroina e cocaina) arrivava dall'Albania e veniva scaricata in territorio brindisino per essere poi distribuita anche a Taranto. Nel capoluogo jonico confluivano per l'acquisto tossicomani provenienti anche da altre province.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione