Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 10:47

In Puglia un fondo per l'accesso al credito

Stipulata la convenzione tra la Regione e l'associazione costituita tra Banca Popolare di Bari e Banca Cattolica di Molfetta. Ne beneficeranno le Pmi
BARI - Per migliorare la competitività delle piccole e medie imprese e favorire l'accesso al credito, la Regione Puglia ha attivato nuovi strumenti finanziari, come il fondo di garanzia ed il fondo capitale di rischio che puntano al rafforzamento della base patrimoniale delle imprese ed al sostegno dei programmi di investimento a medio e lungo termine. Per attivare il fondo capitale di rischio questa mattina è stata stipulata la convenzione tra la Regione e l'associazione costituita tra Banca Popolare di Bari e Banca Cattolica di Molfetta, aggiudicatarie del bando. Hanno firmato il dirigente del settore industria, industria energetica, artigianato e piccola e media impresa, Elio Matera e, per le banche aggiudicatarie, il direttore generale, Marco Jacobini.
«La stipula della convenzione - ha sottolineato il Vicepresidente della giunta e assessore allo sviluppo economico, Sandro Frisullo - consente la liquidazione di una somma pari a 20 milioni euro stanziati dalla Giunta. Il fondo regionale del capitale di rischio potrà in tal modo consentire interventi per la capitalizzazione di impresa, attraverso la sottoscrizione di quote del capitale o di obbligazioni convertibili, quali partecipazioni temporanee di minoranza».
Il fondo capitale di rischio è uno strumento istituito per fornire capitale alle piccole e medie imprese. Il regime di aiuto opera attraverso l'acquisizione di quote temporanee di capitale sociale di piccole e medie imprese. In tal modo si possono realizzare interventi quali la capitalizzazione e la patrimonializzazione, la nuova imprenditorialità, l'assistenza per la quotazione in borsa, l'internazionalizzazione. Il fondo di garanzia, riducendo la quota di rischio a carico dei finanziatori, crea le condizioni affinchè questi possano erogare, a parità di merito creditizio dell'impresa, un volume di credito maggiore, conseguendo migliori condizioni di quelle mediamente praticate alle piccole e medie imprese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione