Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 08:14

Bitonto - Sgominata banda dei tir

Il fine settimana il gruppo, sempre composto da almeno 10-11 persone, rientrava in Puglia per piazzare la merce dopo furti nel nord Italia
ALESSANDRIA - Ogni lunedì partivano da Bitonto, arrivavano nel Milanese, soggiornavano in hotel, poi tutte le notti, fino al venerdì, rubavano sui tir in sosta sulle autostrade del Nord Italia. L'attività proseguiva da mesi fino a quando gli agenti della Polstrada nei giorni scorsi in un'area di sosta dell'A4, nel territorio di Peschiera del Garda, ha arrestato in flagranza di reato 12 persone. Altre quattro ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite a Bari. L'operazione, denominata 'Lupin', è stata illustrata oggi ad Alessandria.
Gli agenti della Polstrada hanno inseguito per circa 600 chilometri la batteria di bitontini, poi li hanno colti di sorpresa dopo che avevano appena prelevato televisori e personal computer per un valore di circa un milione di euro. A muoversi - secondo quanto hanno ricostruito gli investigatori - erano una staffetta di tre auto, una civetta che controllava i movimenti delle pattuglie della polizia stradale e due con parte della batteria, e un autocarro sul quale era trasferita la merce, personal computer, hi-fi, televisori al plasma, capi di abbigliamento, profumi, prelevati dai tir parcheggiati nelle aree di sosta degli autogrill.
Il carico di refurtiva era stoccato in un deposito di Peschiera Borromeo, nel Milanese. Il fine settimana il gruppo, sempre composto da almeno 10-11 persone, rientrava in Puglia per piazzare la merce. A guidare il gruppo erano Giacomo Amendolagine, 56 anni, e Emauele De Ruvo di 56; sempre presenti Roberto Brilli, di 32 e Giuseppe Pantaleo di 36, a disposizione per l'attività di manovalanza Giuseppe De Fano (45), Cosimo Maggio (35), Antonio Modesto (38), Nicola Muzio (52), Eugenio Servedio (38), Gaetano Terlizzi di 40 e un omonimo di 42, Giovanni Terlizzi (46), Francesco Gadaleta (64), Tommaso Amendolagine (40), Gaetano Cozzella (45), Gianfranco Pazienza (36). Questa mattina si è costituito in carcere a Bari Angelo Panzarino, di 30 anni, il più giovane del gruppo. Per tutti l'accusa è furto aggravato.
Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Alessandria Francesca Crupi, condotte dal compartimento di polizia stradale di Torino con la collaborazione dei colleghi di Bari e Milano, delle sezioni Stradali di Torino e Alessandria e del Commissariato di pubblica sicurezza di Bitonto, sono partite nel settembre scorso dopo un furto nell'area di sosta di Castellazzo Bormida lungo l'A26.
Vittime preferite autotrasportatori stranieri che si fermavano negli autogrill per passare la notte e spesso si accorgevano del furto solo all'arrivo a destinazione. L'operazione Lupin, così è stata chiamata, è stata illustrata questa mattina nella caserma della polizia stradale di San Michele dal gen. Paolo Di Fonzo, dirigente del compartimento Piemonte Valle d'Aosta, e dal pm Crupi che ha cooridnato le indagini. Finora sono stati accertati furti per 2 milioni di euro, compiuti sulle autostrade del Nord.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione