Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 00:15

Aviaria: in Puglia altre anatre morte

Cinque carcasse, oltre a quella di un gabbiano, sono state trovate dai Carabinieri alla periferia di Brindisi. I sei esemplari sono stati inviati all'istituto zooprofilattico di Foggia. Nella giornata odierna si era registrato un calo delle telefonate di allarme al numero verde
• I Nas sequestrano 80mila polli in Calabria e Sicilia
• GB: un vaccino generico contro il virus H5N1 potrebbe essere inutile
BRINDISI - Cinque carcasse di anatre e quella di un gabbiano morto sono state trovate dai carabinieri alla periferia di Brindisi. I sei animali sono stati inviati a Foggia nell' istituto zooprofilattico sperimentale di Puglia e Basilicata dove verranno eseguiti i test per verificare se la causa della loro morte possa essere l'aviaria. In particolare, nelle vicinanze della zona industriale di Brindisi, all'interno del bacino artificiale situato nei pressi dello stabilimento 'Polimer', sono state recuperate le carcasse di tre esemplari, due maschi e una femmina, di moriglione, anatre migratorie. Nella stessa zona sono state trovate le carcasse di altri due esemplari di anatre morettà e di un gabbiano reale. Sul posto sono intervenuti anche i responsabili del servizio veterinario dell'Ausl BR/1.

IN CALO ALLARME NELLA POPOLAZIONE
Sono in calo, rispetto alla giornata di ieri, le telefonate allarmate di cittadini pugliesi ai vigili del fuoco e ai numeri verdi istituiti in Puglia per l'aviaria.
«Fino ad ora - racconta il dottor Martinelli della unità di crisi della Regione Puglia - sono giunte stamani una ventina di telefonate; ieri mattina, invece, sono state centinaia. Anche oggi, comunque, ci segnalano la presenza di carcasse di piccoli animali, soprattutto colombi o gabbiani». A Nardò (Lecce) è stata invece segnalata stamani la presenza della carcassa di un grosso volatile e sono in corso accertamenti da parte degli esperti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400