Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 07:45

Depositi clandestini di oli nel Barese

Il ritrovamento da parte della Guardia di finanza in due distinte operazioni a Giovinazzo e Molfetta. Trovati complessivamente oltre 42.000 chilogrammi di petroli
MOLFETTA (BARI) - I militari della Guardia di finanza di Molfetta in due distinte operazioni hanno sottoposto a sequestro quattro depositi clandestini nei quali sono stati trovati complessivamente oltre 42.000 chilogrammi di prodotto petrolifero, cinque elettropompe, nove cisterne e due estintori. Tutto era detenuto in violazione alle norme che disciplinano l' imposizione indiretta sugli idrocarburi e in violazione alle prescrizioni in materia di sicurezza sul lavoro e di prevenzione degli incendi. Le operazioni dei militari sono state dirette al contrasto dell' utilizzo del gasolio agevolato ad uso agricolo per autotrazione. Dei quattro depositi sequestrati, tre si trovano nel territorio di Molfetta ed un altro nel territorio del Comune di Giovinazzo. Nel corso dei controlli sono state trovate cisterne adibite allo stoccaggio di prodotto petrolifero per le quali i titolari dei depositi non sono stati in grado di esibire alcuna documentazione contabile e fiscale giustificativa della lecita provenienza. Nei depositi sono stati trovati quattro fusti di olio lubrificante (ogni fusto ha una capacità di 170 chilogrammi), 60 fusti di grasso lubrificante (ogni fusto con una capacità di 18 chilogrammi), tutti privi della relativa documentazione e in violazione alle norme in materia di accise. I titolari dei depositi, tutti titolari di imprese di autotrasporti e di costruzione, sono stati denunciati a piede libero presso la Procura di Bari e Trani. Sono in corso indagini per accertare la provenienza del prodotto e quantificare l' ammontare dell' accisa evasa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione