Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 09:51

Puglia: il ddl sulla famiglia, il più avanzato

Ad esserne sicuro il segretario regionale della Cgil, Mimmo Pantaleo: «uno dei provvedimenti più avanzati in Italia con misure per l'inclusione sociale»
BARI - Il disegno di legge sui servizi sociali approvato dalla Giunta regionale pugliese rappresenta, per il segretario regionale della Cgil, Mimmo Pantaleo, «uno dei provvedimenti più avanzati sul versante nazionale, avendo individuato un complesso di misure per garantire l'inclusione sociale».
«Dopo che per anni non si è fatto nulla per le famiglie, per la parte più debole dei cittadini pugliesi e per gli immigrati - afferma in una nota - finalmente una risposta all'altezza di una Regione civile». «Sulla parte riguardante le famiglie e il sistema integrato dei servizi - sostiene Pantaleo - è importante aver riportato la famiglia all'interno della legge complessiva del Welfare e soprattutto avere esteso la rete dei servizi a tutte le donne e gli uomini uniti da vincoli solidaristici, senza mettere in discussione la Costituzione». «Anch'esso - conclude - è un grande atto di civiltà e di amore verso il prossimo e chi contesta quelle norme pensa al restringimento dei diritti, ad una società chiusa in se stessa e non solidale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione