Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 00:02

Siglato DDL per tutela e sviluppo delle coste pugliesi

I Comuni costieri dovranno elaborare il Piano coste comunale, gestire le concessioni e attivare la vigilanza. La Regione pianificherà e monitorerà
BARI - Oltre ottocento chilometri di costa pugliese potranno essere regolati da una norma regionale costruita attraverso un complesso sistema di concertazione con l'intera platea dei soggetti interessati. Siglato oggi il testo al Tavolo insediato presso l'assessorato alla Trasparenza e cittadinanza attiva. Primo firmatario l'assessore Minervini, insieme alle associazioni di rappresentanza degli stabilimenti balneari, di Federalberghi, Confcommercio e Confindustria e delle associazioni ambientaliste Wwf, Legambiente e Italianostra. Tre i punti di forte interesse sottolineati da Minervini, altamente qualificanti per il lavoro di concertazione svolto fra i partecipanti al tavolo: il libero accesso alla spiaggia; la tutela ambientale garantita dalla pianificazione regionale delle coste e da quella comunale; la possibilità per gli operatori del settore di investire per il potenziamento delle attività turistico-balneari.
Altro elemento significativo del testo è il conferimento delle funzioni amministrative collegate al demanio marittimo. I Comuni costieri dovranno elaborare il Piano coste comunale, gestire le concessioni e attivare la vigilanza. La Regione potrà così dedicare la propria attività istituzionale alla Pianificazione regionale del territorio, al monitoraggio e al controllo in materia. Unanime il consenso per i risultati raggiunti in termini di mediazione fra rappresentanze portatrici di interessi così diversi.
Rappresentanti istituzionali, ambientalisti, operatori economici hanno incrociato i loro sguardi sulla questione delle coste per operare scelte nell'interesse comune e a beneficio dell'intera comunità pugliese. Ora il testo, «nato dal basso», dopo un ultimo passaggio di confronto con Anci e Upi, sarà affidato agli organi di governo regionale per la sua approvazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione