Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 23:08

Istat: Puglia prima per produzione uva e vino

Nel 2005 conferma il primato nazionale nella produzione di uva da tavola (il 72,2 per cento del totale) e uva da vino (11,4 milioni di quintali)
ROMA - L'annata 2005, caratterizzata da condizioni meteorologiche sfavorevoli nelle settimane prossime alla vendemmia, in particolare nel Centro e nel Nord del paese, ha fatto registrare valori produttivi inferiori a quella precedente , anche se in linea con la media degli ultimi cinque anni. La stima relativa alla produzione di uva e di vino in Italia nel 2005 è dell'Istat, secondo cui il raccolto di uve da vino è pari a 68,9 milioni di quintali, in diminuzione del 5,2 per cento rispetto all'annata precedente. A livello territoriale, il raccolto diminuisce nel Nord (-13,2 per cento) e nel Centro (-9,2 per cento) mentre aumenta nel Mezzogiorno (+4,5 per cento).
Oltre la metà della produzione (56,5 per cento) si concentra in quattro regioni (Veneto, Emilia-Romagna, Puglia e Sicilia). La Puglia è la maggiore produttrice di uva da vino (11,4 milioni di quintali), seguita dalla Sicilia (9,6 milioni di quintali), dal Veneto (9,3 milioni di quintali) e dall'Emilia-Romagna (8,7 milioni di quintali).
Rispetto al 2004, gli aumenti di produzione più consistenti in termini relativi si registrano in Basilicata (+25,4 per cento) e in Calabria (+24,4 per cento), mentre in termini assoluti in Puglia con +926 mila quintali di uve prodotte. La produzione rileva un calo maggiore in Veneto (-21,2 per cento) e in Emilia-Romagna (-14,4 per cento).
Nel 2005 il raccolto di uve da tavola è pari a 16,6 milioni di quintali, in aumento del 17,1 per cento rispetto all'anno precedente. Tale raccolto è destinato in gran parte al consumo diretto e, in quantità marginale, alla produzione di succhi d'uva e distillati. A livello territoriale, la produzione maggiore si registra nel Mezzogiorno dove sono raccolti 16,4 milioni di quintali (il 98,5 per cento della produzione nazionale). La Puglia conferma il primato nazionale nella produzione di uva da tavola con 12,0 milioni di quintali (il 72,2 per cento del totale) e incrementa la produzione dell'anno precedente del 21,7 per cento. La Puglia e la Sicilia rappresentano congiuntamente il 94,2 per cento della produzione nazionale.
La produzione di vino (ottenuto con uve da vino e uve da tavola) è di 48,1 milioni di ettolitri, distribuiti quasi equamente tra vini bianchi (22,5 milioni di ettolitri) e rossi o rosati (25,6 milioni di ettolitri).
Rispetto all'anno precedente la produzione complessiva di vino diminuisce del 5,5 per cento, come conseguenza di un decremento più cospicuo della produzione di vino bianco (-8,5 per cento) rispetto a quello rosso o rosato (-2,6 per cento). Le regioni che registrano le produzioni maggiori sono il Veneto (4,0 milioni di ettolitri) e la Sicilia (3,6 milioni di ettolitri) per il vino bianco, la Puglia (4,9 milioni di ettolitri) e l'Emilia-Romagna (3,6 milioni di ettolitri) per quello rosso o rosato.
La produzione di mosto (2,5 milioni di ettolitri) risulta in aumento dell'8,7 per cento rispetto alla vendemmia precedente. La Sicilia si conferma la regione con il maggior livello produttivo (60,9 per cento della produzione nazionale).
Nel complesso la produzione di vino e mosto nel 2005 è di 50,6 milioni di ettolitri, in diminuzione del 4,8 per cento rispetto all'anno precedente. Il Nord rileva un calo del 12,9 per cento, mentre le regioni meridionali registrano un lieve aumento, pari al 4,8 per cento.
La produzione di vini D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata) e D.O.C.G. (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) è pari a 15,0 milioni di ettolitri (-9,3 per cento rispetto all'annata precedente); quella di vini I.G.T.
(Indicazione Geografica Tipica) è di 12,9 milioni di ettolitri (-7,1 per cento rispetto al 2004). La produzione di vini con un marchio di qualità è effettuata principalmente nel Nord, dove si registrano 8,4 milioni di ettolitri di vini D.O.C. e D.O.C.G. (pari al 56,2 per cento della produzione nazionale) e 7,3 milioni di ettolitri di vini I.G.T. (il 57,1 per cento del totale). Al contrario, nel Mezzogiorno si concentra il 71,1 per cento della produzione totale di vino da tavola, in calo dell'1,2 per cento rispetto al 2004.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione