Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 18:40

Trani, finita prima fase progetto Pugliatech

Posizionato primo anello di 4,5 km di fibra ottica. A regime, il sistema permetterà anche tele-sorveglianza, tele-lettura dei contatori e internet veloce
TRANI (BARI) - E' il posizionamento di un primo anello di fibra ottica, per un totale di circa 4,5 chilometri, il primo intervento realizzato dall'Amet di Trani nell'ambito del progetto Pugliatech, redatto da un consorzio di aziende e finanziato dalla Regione per realizzare investimenti in tecnologia. S'informa in una nota nella quale si aggiunge che presto comincerà la seconda fase, che prevede l'arrivo della banda larga anche nelle zone attualmente scoperte. Per la realizzazione della infrastruttura in fibra ottica, alla public utility tranese è stato assegnato un finanziamento di 4,7 milioni di euro.
Le applicazioni consentite dalla banda larga - si spiega nella nota - sono innumerevoli. «Sfruttando la fibra ottica - spiega Alfonso Mangione, presidente di Amet - abbiamo, ad esempio, progettato e realizzato un impianto di video-sorveglianza che abbiamo messo a disposizione della polizia municipale e delle altre forze dell'ordine». Amet sfrutterà le potenzialità della fibra ottica anche per tele-gestire e tele-leggere i contatori e, inoltre, per offrire alla sua utenza servizi ad alto contenuto tecnologico, come ad esempio l'internet veloce. Non solo: con la banda larga Amet intende anche gestire l'illuminazione pubblica, la darsena e i servizi turistici portuali, monitorare il traffico e ottimizzare la gestione dei trasporti, attraverso l'installazione di paline intelligenti (quelle che, ad esempio, segnalano quanto tempo manca al passaggio del prossimo autobus).
«Il progetto Pugliatech è una nuova visione dei servizi comunali per il cittadino», conclude Mangione. «Siamo certi che queste novità possano rappresentare un importante new business per l'azienda».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione