Cerca

Domenica 21 Gennaio 2018 | 21:35

Lecce - Fuoco ad associazione

Come atto vandalico appiccato incendio alla sede del gruppo locale mutilati e invalidi di guerra. Indagini per trovare i vandali che hanno lanciato la bottiglia incendiaria
LECCE - Indagini sono in corso da parte degli agenti della polizia di Lecce per identificare le persone che stamani, intorno alle 6,30, hanno appiccato un incendio nella sede di Lecce dell'Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra, in Piazza Italia.
I vandali, dopo avere cosparso liquido infiammabile davanti al portone d'accesso dei locali, hanno appiccato il fuoco. Le fiamme, hanno provocato danni non rilevanti agli infissi, anche grazie all' intervento di una squadra dei vigili del fuoco di Lecce che è stata impegnata nelle operazioni di spegnimento per circa un'ora. Sul posto dell'attentato è stata trovata una bottiglia con residui del liquido infiammabile. Pur non escludendo altre ipotesi, gli investigatori ritengono che si sia trattato di un atto vandalico.

Le fiamme - a quanto si è saputo in mattinata - hanno anche interessato le stanze interne della sede dell'Associazione, distruggendo tra l'altro completamente l'archivio, composto da materiale cartaceo. I responsabili dell'episodio hanno rotto una finestra e sono entrati all'interno, cospargendo di liquido infiammabile il mobilio, suppellettili e le carte che erano custodite nella prima stanza. Le fiamme si sono poi propagate nella stanza attigua, ma l'intervento dei vigili del fuoco ha impedito che l'incendio si sviluppasse ulteriormente. All'interno non sono state trovate scritte di alcun genere.
La sede dell'Associazione mutilati e invalidi di guerra si trova a ridosso del centro storico di Lecce, nella piazza dove è anche il monumento ai caduti. Gli investigatori hanno sentito il presidente dell'Associazione, Arturo Falconieri, di 81 anni, il quale ha affermato di non aver mai ricevuto minacce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400