Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 09:26

Antiterrorismo a Martina Franca

Il 16° Stormo "fucilieri dell'aria" dell'Aeronautica militare ha "diplomato" i primi 20 specialisti di "combattimento urbano avanzato". È una innovazione, nel quadro della preparazione di nuclei di intervento altamente specializzati
Martina Franca - Fucilieri dell MARTINA FRANCA (Taranto) - È terminato, presso il comando del 16° Stormo - Protezione delle forze - il "1° Corso per operatori militari sul combattimento urbano avanzato". L'attività ha visto impegnati i "fucilieri dell'aria".
Una prima fase teorica ha compreso materie quali: sicurezza operativa, tattiche di squadra nei centri urbani e suburbani, combattimento ravvicinato e scontro a fuoco.
La fase pratica si è svolta nelle aree addestrative di Montescaglioso (Matera) con l'utilizzo a fuoco delle armi individuali in dotazione allo Stormo: Beretta "Sbr 92, "Scp 70/90", "Pm 12 S", Sporting purpose automatic shotgun "12" e "15" ed infine lanciagranate da 40 mm "M-203 Pi".
Il corso - tenuto dal "certified law enforcement trainer" Tony Zanti - ha permesso il rilascio ai 20 militari del certificato di "advanced urban combat" e di "operatore Alfa di tiro dinamico operativo".

Il colonnello Ettore Ciniglio Appiani - comandante del 16° Stormo Protezione delle forze - ha commentato: «Il citato corso rientra nell'iter addestrativo previsto per il conseguimento della "full combat readiness" di tutto il personale in seno al Battaglione fucilieri dell'aria. Adesso stiamo lavorando per il 3° e 4° Corso Aspiranti fucilieri dell'aria, per terminare l'implementazione dello Stormo entro il 2006. In questi giorni - aggiunge - è disponibile il 4° bando interno di selezione per il completamento degli organici del Battaglione fucilieri dell'aria».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione