Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 10:54

Bari - Baby gang all'attacco

Piccole rapine, azioni di disturbo, molestie ai clienti: sono le nuove tecniche dell'estorsione utilizzate da gruppi di giovanissimi, che prendono di mira pub e locali
BARI - Piccole rapine, azioni di disturbo, molestie ai clienti: sono le nuove tecniche dell'estorsione utilizzate a Bari da gruppi di giovanissimi, vere e proprie baby gang, che prendono di mira pub o altri locali, li tengono sotto pressione con azioni intimidatorie per qualche tempo per poi taglieggiarli in cambio della promessa di tranquillità. E' il quadro che emerge da una inchiesta condotta dalla squadra mobile della questura di Bari in collaborazione con la procura per i minorenni e la procura presso il Tribunale che ha portato all'arresto di due ragazzi di 14 e 17 anni, e un pregiudicato, Vincenzo Mariano, di 32.
I tre, insieme con altri due giovanissimi (uno appena diciottenne e l'altro di poco più di undici anni) che vengono interrogati in queste ore in questura, sono accusati di un episodio verificatosi nella notte tra il 29 e il 30 dicembre scorso Bari, in un pub. La gang avrebbe cominciato a fare azioni di disturbo verso le due di notte entrando nel locale, tentando una rapina alla cassa e minacciando di rapinare anche i clienti del locale. Il titolare e i camerieri, però hanno reagito e sono riusciti a fare allontanare i cinque. Secondo le testimonianze di alcuni clienti, Mariano avrebbe avuto anche una pistola nascosta sotto il giubbotto.
Dopo il primo assalto, il gruppo sarebbe tornato qualche ora dopo, verso le cinque del mattino, rinnovando le richieste estorsive. A quel punto il titolare è riuscito a chiudersi con i dipendenti all'interno del locale e a chiamare polizia e carabinieri. L'arrivo delle pattuglie ha messo in fuga i cinque che sono stati però individuati.
Sono quindi partite le indagini che hanno portato alla identificazione dei presunti componenti del gruppo grazie anche all'impiego di tecnologie avanzate satellitari e telecamere termiche che hanno consentito di seguire a distanza i movimenti dei sospetti. Le ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei tre sono state richieste dai pm della procura per i minorenni Rosario Plotino e della procura presso il Tribunale Francesco Cavone. Le accuse sono di tentativo di estorsione e tentativo di rapina a fini di estorsione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione