Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 18:33

Capitanata come il Far West

A Foggia padre e figli sparano fucilate contro i ragazzi che giocano con i petardi; a Carapelle avventore spara in aria in un bar dopo lite: tutti arrestati
• Alcuni ragazzi davano fastidio perché giocavano con gli ultimi botti di Capodanno vicino alla loro abitazione e loro, padre e due figli, hanno pensato bene di protestare sparando diversi colpi di fucile. È accaduto a Foggia, dove i Carabinieri hanno arrestato tre persone con l'accusa di ricettazione, esplosione di colpi d'arma da fuoco, minacce e detenzione illegale di armi. In manette sono finiti Guido Di Noia di 46 anni e i due figli Francesco di 24 e Leonardo di 22.
Ieri sera cinque ragazzi si sono fermati nelle campagne del tratturo Camporeale per giocare con gli ultimi fuochi pirotecnici. Poco dopo i ragazzi sono stati presi di mira dall'uomo che avrebbe sparato alcuni colpi di fucile.
Sul posto, dopo una telefonata al 112, sono giunti i Carabinieri della Compagnia di Foggia che hanno trovato prima tre ragazzi fermi sul ciglio della strada a bordo di una Fiat Brava e poi altri due nelle campagne, a bordo di una Seat, che stavano cercando di attirare l'attenzione dei militari con i fari dell'auto.
Una volta nell'abitazione della famiglia Di Noia, i Carabinieri durante la perquisizione hanno trovato, nascosto nella cella frigorifero di un autocarro Fiat Iveco, un fucile calibro 12, con matricola abrasa, undici cartucce e altre sette già esplose. Nell'armadio della camera da letto, gli investigatori hanno trovato due scatole con altre ventidue cartucce, una pistola a salve ed una pistola giocattolo, ma prive del previsto del tappo rosso.


• Voleva continua a bere e al rifiuto del titolare del bar lo ha minacciato sparando in aria un colpo di pistola. A Carapelle i carabinieri della locale stazione hanno arrestato Paolo Lopes di 31 anni con l'accusa di minacce, porto abusivo di armi e spari in luogo pubblico. Ieri sera l'uomo è entrato nel bar «Vialli» e ha chiesto al proprietario dell'esercizio pubblico una bevanda alcolica. Il proprietario, visto che l'uomo sembrava già alticcio, ha rifiuto di dargli da bere e Lopes ha sparato un colpo di pistola calibro 7.65.
Sul posto, dopo la chiamata al 112, sono giunti i Carabinieri che hanno individuato e arrestato l'uomo. Nel corso della successiva perquisizione nell'abitazione dell'uomo i militari hanno trovato 34 proiettili calibro 7.65 che era state denunciate dal padre del 31enne che è stato denunciato per omessa custodia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione