Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 23:59

Porto di Taranto - Si dimette Gianni Florido

Lascia l'incarico di presidente della Provincia per protesta contro nomina di Luigi Lobuono a commissario dell'Autorità portuale. Il «no» del Consiglio provinciale
TARANTO - Il presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido (centro sinistra), si è dimesso dall' incarico per protesta contro la decisione del ministro delle infrastrutture, Pietro Lunardi, di nominare Luigi Lobuono - che è anche presidente della Fiera del levante di Bari - quale nuovo commissario dell'Autorità portuale di Taranto. Le dimissioni sono state formalizzate nel primo pomeriggio da Florido nelle mani del segretario generale della Provincia. «E' un gesto estremo - ha detto, tra l'altro, Florido - che a differenza di chi fa politica solo per gestire il suo potere non è nè una sceneggiata nè una pagliacciata ma un profondo atto di dignità e di ribellione fatto da chi da oltre 156 mila cittadini è stato chiamato all'onore di presiedere le sorti di questa provincia». «Non abbiamo assolutamente nulla contro il dottor Lobuono - ha aggiunto - ma noi lo consideriamo più un competitore politico che un competente in materia portuale e per giunta estraneo al contesto territoriale. Nessun becero campanilismo, ma contestiamo una prassi politica che privilegiando gli accordi di vertice tende a calpestare la volontà di autogoverno delle popolazioni». Domani mattina Florido e alcuni esponenti della giunta provinciale incontreranno a Taranto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, e alcuni assessori regionali. «Non dobbiamo chiarirci nulla - ha sottolineato, in proposito, Florido - ma dobbiamo solo continuare un percorso e consolidarlo, perchè Taranto non può essere considerata una realtà marginale. Vogliamo garanzie che si impugni il commissariamento e che il nome di Lobuono non compaia tra i candidati alla presidenza dell'Autorità portuale di Taranto».

CONSIGLIO PROVINCIA CHIEDE RITIRO DIMISSIONI
Al termine della seduta odierna, nel corso della quale il presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, ha formalizzato le dimissioni, il consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno con cui si chiede a Florido di ritirarle, anche se le ragioni che le hanno determinate «sono pienamente condivisibili». L'ordine del giorno è stato firmato dai capigruppo della maggioranza di centrosinistra (Ds, Margherita, Lista Florido, Comunisti italiani e Sdi) più l'Udc. Si sono astenuti i consiglieri provinciali di Forza Italia mentre erano assenti quelli di An.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione