Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 22:45

Putignano - Con le Propaggini, parte il Carnevale

Poeti e cantori in piazza per la tradizionale festa che ricorda la traslazione delle ossa di S. Stefano (da Monopoli a Putignano), per salvarle dai saraceni
BARI - Con la festa delle Propaggini inizia oggi a Putignano la 612esima edizione del Carnevale di Putignano nel sud est barese, il carnevale che vanta una delle più antiche tradizioni. Di matrice «propiziatoria» nelle pieghe del costume della Magna Grecia, di cui Putignano era colonia, la festa avrebbe assunto le sembianze attuali nel 1394, data della traslazione delle reliquie di Santo Stefano.
Reliquie trasferite a Putignano dalla città di mare di Monopoli, con l'intento di preservarle dalle scorribande saracene. In quel 1394, «anno zero» per il computo delle edizioni del Carnevale, lo straordinario evento avrebbe trascinato in un clima di festa i contadini putignanesi, impegnati nel piantare le viti con la tecnica delle «Propaggini». Oggi le Propaggini continuano a tener fede alla storia, incentrandosi sul coinvolgimento popolare, sui canti e sulle rime in vernacolo che secondo la tradizione avrebbero espresso l'entusiasmo al seguito delle reliquie. Dal pomeriggio e per tutta la serata sono in scena nove gruppi di poeti e cantori ispirati, pronti a rievocare in versi l'ultimo anno di eventi, ed a gratificare della propria satira, in dialetto, il mondo politico locale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione