Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 01:34

Agricoltore ucciso nel nord barese

Sabino Caporale è rimasto vittima di due colpi di fucile, colpito da ignoti mentre era nel suo podere, a Canosa di Puglia (Bari), arrivato per portare cibo al suo cane
CANOSA DI PUGLIA (BARI) - Un agricoltore di 50 anni, Sabino Caporale, è stato ucciso nella serata di ieri con due colpi di fucile calibro 12 subito dopo essere giunto a bordo della sua autovettura nel suo podere, a Canosa di Puglia (Bari), per portare cibo al suo cane. Il cadavere è stato trovato dai carabinieri nella Peugeot 205 della vittima.
Caporale è stato assassinato con un colpo di fucile all'altezza delle scapole e l'altro al fianco sinistro. Tutti e due i proiettili sono stati sparati da distanza ravvicinata. Secondo i militari della compagnia di Barletta, che indagano sul delitto, l'agricoltore potrebbe essere stato ucciso da una persona con la quale stava animatamente discutendo, oppure da un ladro di olive che aveva sorpreso nel suo podere.
Ad allertare i carabinieri sono stati i famigliari dell'uomo che ieri sera, verso le 20, non vedendolo arrivare, sono andati a cercarlo in campagna ed hanno notato che la sua autovettura era ferma, con i fari accesi, sulla strada di accesso al podere. Hanno quindi dato l'allarme ai militari dell'Arma che, giunti sul posto, hanno accertato che l'uomo era stato ucciso. Secondo gli investigatori, il sicario avrebbe sparato dall'esterno dell'autovettura - che aveva i finestrini chiusi - colpendo l'agricoltore prima tra la scapola sinistra e il collo e poi, appena l'uomo si è accasciato sul sedile del passeggero anteriore, lo ha finito con un colpo al fianco sinistro.
Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di turno del Tribunale di Trani (Bari), Achille Bianchi, che ha delegato ai militari di ascoltare agricoltori della zona, amici e famigliari della vittima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione