Venerdì 20 Luglio 2018 | 07:09

Puglia: c'è un parco in più

Con un decreto legge votato a maggioranza il consiglio regionale ha istituito ufficialmente il Parco «Terra delle Gravine» che avrà un perimetro di quasi 28.000 ettari
BARI - «Abbiamo un parco in più in Puglia, un parco importante, di quasi 28.000 ettari che non nuocerà alle attività agricole e zootecniche ma le esalterà nella tutela dell' ambiente, delle risorse naturali, del suolo dell'aria e dell'acqua. Vivremo tutti quanti un po' meglio, quando questo parco verrà varato. E' una forma originale, simpatica, nuova e utile di fare gli auguri di Buon Natale a tutti i pugliesi». Così l'assessore all'ambiente della Regione Puglia, Michele Losappio (Prc), ha commentato l' approvazione a maggioranza (i gruppi di opposizione si sono astenuti) avvenuta in serata nell' aula del consiglio regionale pugliese del disegno di legge che prevede l'istituzione in Puglia del Parco naturale regionale «Terra delle Gravine» che avrà una perimetrazione di quasi 28.000 ettari.

«Se abbiamo questo parco - ha aggiunto Losappio - è merito in primo luogo di quei movimenti ambientalisti che hanno tenuto aperta questa opportunità in questi anni, delle associazioni di categoria (Cia, Coldiretti e Confagricoltura) che hanno collaborato con un confronto costruttivo». L'approvazione del provvedimento è stata accolta in aula da una stretta di mano tra il presidente della giunta pugliese, Nichi Vendola, e l'assessore all'ambiente, Michele Losappio, e dall'applauso degli ambientalisti presenti che hanno anche tentato, invano, di esporre uno striscione con una scritta di benvenuto al Parco.
Il disegno di legge è stato approvato al termine di una lunga seduta del consiglio regionale cominciata questa mattina e caratterizzata da una serie di lunghe interruzioni decise per consentire a maggioranza e opposizione di incontrarsi e di riunirsi per esaminare gli emendamenti, nel tentativo di trovare un accordo che, alla fine, è arrivato, grazie soprattutto - ha riconosciuto lo stesso Losappio in sede di replica al dibattito - al lavoro di pompieri svolto dai consiglieri Rocco Palese (Fi) e Vittorio Potì (Socialisti autonomisti). Dieci gli emendamenti approvati all'unanimità, di questi cinque quelli che erano stati presentati dall' opposizione e che, successivamente, sono stati condivisi dalla maggioranza di centrosinistra. Trovato l' accordo, l' opposizione ha ritirato i circa 1.200 emendamenti che il capogruppo di Fi aveva presentato minacciando l'ostruzionismo.

Fondamentale è stata l'intesa raggiunta sul primo emendamento: prevede che entro e non oltre 12 mesi dalla entrata in vigore della legge, le aziende private agricole e zootecniche nonchè i titolari di diritti reali, ricadenti nei territori dell'area del Parco, «per il tramite» delle associazioni di categoria più rappresentative, possano presentare istanza di esclusione dal parco e di inclusione per i soggetti non compresi nella perimetrazione del parco. «La Regione - si legge nell'emendamento - d'intesa con il Comune di riferimento si esprime entro 120 giorni sulle istanze prodotte».
In sede di dichiarazioni di voto i gruppi di opposizione hanno espresso un giudizio sostanzialmente positivo: «Esprimiamo un voto di astensione - ha detto l'ex presidente della giunta pugliese, Raffaele Fitto, coordinatore in Puglia di Fi - dopo un confronto in alcuni momenti acceso e aspro. Stiamo per votare un buon provvedimento anche se rimangono punti di vista divergenti. La maggioranza ha accolto garanzie che riteniamo siano mancate nell' iter di ascolto dei sindaci». Fitto ha concluso definendo «molto positivo» il confronto che c'è stato tra maggioranza e opposizione.
Un giudizio positivo anche da parte di Lospinuso per An («sono stati apportati al testo quei miglioramenti indispensabili che tutelano i privati, tutelano la concertazione e il territorio»), Cera per l' Udc («ha vinto non la demagogia ma l' interesse del territorio»), Zullo per La Puglia prima di Tutto («apprezziamo il lavoro di concertazione che c'è stato tra maggioranza e opposizione per fugare alcuni dubbi»).

Apprezzamento per il lavoro svolto da Losappio dalla maggioranza: Pelillo, a nome della Margherita, ha auspicato che «il clima che si è respirato in questa aula questa sera sia foriero di buone cose», De Leonardis per l'Udeur ha rimarcato «l' ottimo lavoro svolto dall'assessore all' ambiente», Lonigro per i socialisti democratici italiani, ha affermato che «gli emendamenti sono serviti a migliorare il testo» e che «il Parco sarà una ricchezza per tutta la Puglia».
Ventricelli per i Ds ha sostenuto che «il provvedimento dimostra che se si lavora sgomberando il campo da posizioni ideologiche si raggiungono buone soluzioni»; Borraccino per i Comunisti italiani, infine, ha espresso soddisfazione «per la maturità mostrata dall'assise».
La seduta del consiglio regionale prevista per domani è stata annullata. Il consiglio regionale tornerà pertanto a riunirsi subito dopo Natale, il 27 e il 28 dicembre, per l'approvazione della manovra finanziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS