Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 13:50

Mafia, sequestrati beni per 1 mln

Sono di proprietà dell'imprenditore Luigi Toma, di Ugento (nel Leccese), e sono stati sottoposti a sequestro patrimoniale antimafia da militari del Gico
UGENTO (LECCE) - Beni per un valore complessivo di un milione di euro, appartenenti a Luigi Toma, di Ugento, sono stati sottoposti a sequestro patrimoniale antimafia da militari del Gico (Gruppo Investigativo Criminalità Organizzata) del Nucleo Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Lecce.
Nei giorni scorsi sempre nei confronti dello stesso Toma, che è un imprenditore nel settore degli autotrasporti, dei suoi familiari e della società "Autotrasporti Toma srl" era stato eseguito un primo sequestro di beni immobili, mobili e di titoli e depositi bancari, per altri 2.000.000 di euro.
In particolare i beni sequestrati oggi sono costituiti da mobili antichi, quadri, tappeti vasellame ed altri oggetti di rilevante valore, due imbarcazioni semicabinate, quattro autoarticolati, tre autocarri, cinque semirimorchi. Toma è ritenuto dagli inquirenti vicino alla Sacra Corona Unita ed in particolare legato al gruppo di Giuseppe Scarlino, detto Pippo Calamita, di Taurisano.
Il decreto di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Lecce, che ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto della Dda Cataldo Motta. Si tratta di un provvedimento che scaturisce da un'informativa del Gico. Proprio nel corso dell'esecuzione del primo provvedimento i militari avevano individuato i beni oggetto del provvedimento cautelare odierno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione