Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 06:25

Ostuni - Fondi comunali per adottare randagi

L'Amministrazione ha deciso di stanziare 200 euro all'anno per ogni cittadino che decida di adottare uno dei cani ospitati presso il rifugio comunale di contrada Barbagianni. Informazioni su www.comune.ostuni.br.it
OSTUNI - L'amministrazione Comunale di Ostuni ha deciso di stanziare 200 euro all'anno per ogni cittadino che decida di adottare uno dei cani ospitati presso il rifugio comunale di contrada Barbagianni (sulla strada provinciale Ostuni - Cisternino).
«L'obiettivo - spiega l'assessore all'ambiente, Giulia Anglani - è quello di ridurre il fenomeno del randagismo dei cani sul territorio comunale attraverso l'istituto dell'affidamento ai cittadini interessati. Tra tutti gli animali, i cani sono i più cari e fedeli amici dell'uomo; perché, quindi, maltrattarli o abbandonali? Il canile dove i randagi vengono rinchiusi è, spesso, per loro un triste ergastolo; non c'è niente di più penoso dello sguardo di un cane dietro le sbarre di un canile. Con questa iniziativa ci auguriamo di poter dare una casa ed una famiglia ai nostri amici a quattro zampe».
L'erogazione del contributo avverrà alla scadenza di ogni anno a partire dalla data di sottoscrizione dell'atto di adozione del cane.
Unica condizione per ottenere il contributo annuale è l'accertamento dal parte del servizio Veterinario della AUSL BR 1 di Ostuni delle condizioni di buona salute del cane adottato, mediante rilascio di apposita certificazione veterinaria.
I cittadini interessati potranno presentare richiesta compilando l'apposito modulo disponibile presso l'Ufficio ecologia del Comune, in piazza Libertà, oppure sul sito internet all'indirizzo: www.comune.ostuni.br.it
Contemporaneamente l'amministrazione Comunale della Città Bianca avvierà una campagna di sensibilizzazione sulla tutela di tutti gli esseri viventi.
«Una campagna - continua l'Assessore Anglani - che porteremo nelle scuole e all'attenzione di tutti i cittadini, attraverso i mezzi di comunicazione a cui chiediamo la collaborazione per far giungere a tutti questo messaggio. I canili comunali sono sempre più pieni. Una vera emergenza, quindi, che va emarginata attraverso diverse strategie. Una di queste è certamente la sensibilizzazione a tale problema che investe la nostra comunità; in modo tale che, da un lato si alleggerisca la drammatica situazione del canile comunale e, dall'altro, si ristabilisca un ambiente urbano più sano, più equilibrato, più vivibile. Io penso che la civiltà di un paese passi anche e soprattutto attraverso l'educazione dell'uomo al rispetto per l'ambiente, per i nostri simili, per tutti gli esseri viventi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione