Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 12:42

Brindisi, eros&chat a spese della comunità

Denunciati in 47, tra impiegati, funzionari ed ex assessori del Comune. Avrebbero usato utenze telefoniche comunali per linee erotiche e chat-line
BRINDISI - Avrebbero utilizzato le linee telefoniche del Comune per collegarsi, via web, con chat line e linee erotiche facendo pagare bollette telefoniche bimestrali salatissime. E' stato scoperto dai carabinieri della compagnia di Brindisi al termine di una indagine che ha portato alla denuncia di 47 persone con l' accusa di peculato continuato.
A quanto si è saputo si tratta di impiegati pubblici, funzionari ed ex assessori del Comune di Brindisi che tra il primo maggio del 2002 ed il 31 dicembre del 2003 avrebbero approfittato dei telefonini di servizio a loro affidati per un uso allegro delle stesse utenze telefoniche. Ingenti le somme pagate dalle casse comunali per le chiamate ai numeri erotici o ai collegamenti sui portali web e wap oltre che ai numeri a pagamento 166 ed 199.
I fatti risalgono a quanto era sindaco della città Giovanni Antonino, il quale comunque, non è coinvolto in questa vicenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione