Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 15:01

Naufraga peschereccio di Molfetta: 2 morti

Dramma per il maltempo nel mare Jonio, al largo di Metaponto. Ritrovato al largo di Scanzano, aggrappato ad un salvagente, il terzo uomo a bordo dell'imbarcazione, il "Mare e vento", affondata nella notte. È rimasto in acqua per dodici ore. Motovedette ed elicottero per ricerche concluse tragicamente
Una panoramica di Molfetta METAPONTO - È stato trovato vivo dagli uomini della Guardia costiera uno dei tre naufraghi del peschereccio "Mare e vento" di Molfetta (nella foto), di cui non si avevano più notizie dalla scorsa notte.
L'uomo, in discrete condizioni di salute, è stato recuperato a circa sei miglia da Metaponto: era aggrappato ad un salvagente da 12 ore.
La motovedetta delle Capitanerie di porto lo sta ora trasportando a Taranto dove sono stati allertate le strutture di soccorso medico.
Interrotte invece le ricerche degli altri due pescatori: i corpi sono stati recuperati.
Le vittime sono Vincenzo Cappelluti, di 55 anni, padre del sopravvissuto, e Mauro De Cesare, il motorista del peschereccio. I cadaveri sono stati recuperati nella stessa zona - a circa sei miglia al largo di Metaponto - dove era stato trovato Francesco Cappelluti.

Il pescatore tratto in salvo è Francesco Cappelluti, di 21 anni, di Molfetta (Bari). Il giovane indossava il giubbotto di salvataggio ed è stato salvato da una motovedetta della Guardia costiera di Taranto a circa sei miglia e mezzo al largo di Scanzano Jonico (Matera), molto più a sud del punto in cui era stata segnalata l'ultima presenza del peschereccio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione