Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 23:51

Tentata truffa da 800 mila ?

La Guardia di Finanza di Brindisi ha scoperto un tentativo di truffa nel settore dei contributi agevolati, e in particolare in quello dei benefici della legge 488
BRINDISI - La Guardia di Finanza di Brindisi ha scoperto un tentativo di truffa nel settore dei contributi agevolati, e in particolare in quello dei benefici della legge 488, un nuovo tentativo di truffa da 800 mila euro che sarebbe stato perpetrato da parte di un'impresa locale operante nei servizi. Tre persone, il titolare dell'impresa e altri due responsabili, sono stati denunciati all'autorità giudiziaria. Le indagini sono state condotte dal sostituto procuratore della Repubblica Pasquale Sansonetti.
Le indagini hanno permesso di accertare che, nel 2004, l'impresa ha presentato, tramite una società di consulenza, una domanda di ammissione ai benefici della legge 488 per la realizzazione di un complesso edilizio su un suolo che nel momento della presentazione della domanda non era ancora disponibile, come prescritto invece nella normativa. All'impresa era stato assegnato provvisoriamente un terreno che, solo a seguito di adempimenti, avrebbe potuto essere destinato definitivamente. Per ottenere questa autorizzazione il legale rappresentante della società avrebbe presentato un documento non valido che sarebbe stato alterato rispetto a quello originale rilasciato dall'ufficio competente. Il documento sarebbe stato trasmesso in quella forma alla banca concessionaria, come copia del permesso a costruire.
Anche nella fase istruttoria il titolare dell'impresa, per dimostrare la capacità finanziaria e patrimoniale dei soci, avrebbe presentato all'istituto di credito una lettera di referenze bancarie falsa, rilasciata da una banca nazionale che a quanto pare non lo avrebbe mai prodotto. Sarebbero stati riprodotti il logo della Banca e la firma del direttore di una filiale che all'epoca dei fatti era chiusa da alcuni mesi. Oltre al titolare sono stati denunciati anche due consulenti. Le indagini proseguono per accertare se altri imprenditori della provincia di Brindisi, che si sono affidati alla stessa società di consulenza, possano essere stati coinvolti in indebiti finanziamenti in base alla legge 488.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione