Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 04:19

Bari - Analisi dati? No, scommesse clandestine

Irruzione degli agenti del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza in un'azienda del quartiere San Pasquale - nel capoluogo - dove si giocava tramite internet con un bookmaker britannico. Denunciati il gestore ed un cliente
BARI - All'apparenza era un centro di elaborazione dati e invece in quell'esercizio commerciale del quartiere San Pasquale di Bari si svolgevano scommesse clandestine via Internet su eventi sportivi nazionali e internazionali per conto di un bookmaker britannico. I finanzieri del Nucleo Provinciale di Polizia Tributaria hanno fatto irruzione nel centro sorprendendo il titolare mentre perfezionava numerose scommesse illecite, in assenza di qualsiasi autorizzazione, e un cliente intento a scommettere. I due sono stati deferiti all'Autorità giudiziaria.

Sequestrate numerose attrezzature per la trasmissione delle scommesse, denaro contante, ricevute e svariata documentazione. «Il fenomeno - fanno notare gli inquirenti - ha trovato terreno fertile tra gli scommettittori italiani, in quanto le quote offerte dai bookmakers inglesi sono molto più vantaggiose rispetto a quelle italiane autorizzate e consentono agli intermediari guadagni che sfuggono alla tassazione». I Baschi Verdi del Gruppo Pronto Impiego di Bari hanno sequestrato, in un'altra operazione, un locale utilizzato per le scommesse illecite e hanno denunciato altri due responsabili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione