Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 18:21

Foggia - Rapina "beffa" ai vigilantes

Assaltato un furgone portavalori (bottino, oltre 50mila euro) a pochi passi dalla stazione dei Carabinieri e dall'assessorato comunale alla Legalità
FOGGIA - Due banditi armati di pistole hanno rapinato due vigilantes appena scesi da un furgone portavalori della NPS per consegnare un sacco contenente denaro ad un ufficio postale di Foggia, in piazza Giovanni XXIII al quartiere Cep, nei pressi della locale stazione dei Carabinieri e dell'assessorato comunale alla Legalità. Nell'azione i rapinatori hanno sparato un colpo di pistola che ha ferito alla spalla un metronotte mentre il collega di questi è stato ferito al capo con il calcio della pistola. Subito dopo il colpo i banditi sono fuggiti a bordo da una Lancia Delta condotta da un complice.
Ammonta a oltre 50 mila euro il bottino della rapina.
Secondo la prima ricostruzione, fornita dagli agenti della Squadra Mobile e della sezione Volanti che stanno indagando sull'accaduto, tre persone - con il volto scoperto e armate di pistola- hanno atteso all'ingresso dell'ufficio postale l'arrivo del furgone portavalori che doveva consegnare i soldi, anche perché oggi era previsto il pagamento delle pensioni. Poco dopo sul posto è giunto un furgone della ditta NPS Puglia con tre guardie giurate. Una è rimasta sul mezzo mentre altre due si sono dirette nell'ufficio postale. Appena entrate uno dei banditi è riuscito a sfilare la pistola ad un vigilante che poi è stato colpito alla testa con il calcio dell'arma. L'altra guardia giurata ha tentato di opporsi alla rapina ma è stato ferito alla spalla da un colpo di pistola sparato da uno dei rapinatori. Dopo aver preso il denaro i banditi sono fuggiti attraverso la seconda uscita dell'ufficio postale, correndo tra le bancarelle del mercato della frutta rionale fino a raggiungere una Opel Vectra a bordo della quale hanno fatto perdere le tracce.
La rapina è avvenuta in un posto periferico del capoluogo dauno ma abbastanza frequentato proprio perché a pochi metri ci sono il mercato rionale e alcuni uffici.
L'assessore alla legalità Lino Del Carmine ha invitato i cittadini, che forse hanno visto qualcosa, a collaborare con le forze dell'ordine si è anche chiesto, un po' polemicamente, a cosa servano le caserme delle forze dell'ordine se poi gli uomini restano negli uffici e non in mezzo alla strada per garantire la sicurezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione