Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 14:57

«Prima deragliamento Eurostar, linea fu bloccata e controllata»

A quanto si è saputo, nella notte tra sabato e domenica la tratta Bari-Taranto fu chiusa per pioggia e furono compiuti controlli da personale delle Ferrovie. Procura ordina acquisizione atti Fs
BARI - La Procura presso il Tribunale di Bari ha ordinato alla polizia giudiziaria di acquisire atti relativi alla tratta ferroviaria delle Ferrovie dello Stato in cui ieri mattina all'alba è deragliato l'Eurostar 9410 Taranto-Milano. L' incidente è avvenuto tra le stazioni di Acquaviva delle Fonti e Sannicandro di Bari dove la furia dell'acqua caduta in poche ore ha provocato il cedimento di un terrapieno sul quale passavano i binari.
L'acquisizione dei documenti è stata disposta dai sostituti procuratori inquirenti, Renato Nitti e Giuseppe Dentamaro, ed è finalizzata a raccogliere dati relativi all'epoca in cui fu realizzata la tratta in cui è avvenuto il deragliamento, quando e se sono stati compiuti gli interventi di manutenzione, e a quando risalgono gli ultimi controlli.
La decisione è stata presa al termine dell'incontro tenutosi oggi in procura a cui hanno partecipato i due magistrati inquirenti, il procuratore della Repubblica, Emilio Marzano, agenti del Nipas (Nucleo polizia investigativa e ambientale della Forestale), di polfer, polstrada e i carabinieri. A tulle le forze di polizia sono state delegate indagini. I militari dell'Arma sono stati incaricati dell'acquisizione di atti relativi alla costruzione, alla manutenzione e ai controlli del ponte crollato ieri a Cassano delle Murge (Bari) che ha provocato la morte di cinque persone: padre, madre e due figli.
A quanto si è saputo, nella notte tra sabato e domenica la tratta Bari-Taranto fu chiusa per alcune ore a causa del nubifragio che interessava alcuni Comuni della zona. Su parte della tratta - a quanto è dato sapere - furono compiuti controlli da personale delle Ferrovie che ispezionò la zona a bordo di carrelli. Dopo i controlli la tratta fu riaperta. Poco più tardi, alle 6.40, si verificò il disastro ferroviario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione