Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 14:58

«Noi dobbiamo imparare dai bambini»

Così il presidente della Regione Puglia ha aperto oggi la settima edizione della Settimana dei Bambini del Mediterraneo, ad Ostuni. Una speranza di Pace
OSTUNI (BRINDISI) - «Sono molto felice di essere presente all'inaugurazione di questa manifestazione. Noi adulti abbiamo molto da imparare da voi bambini. Da Ostuni parte un messaggio di pace per tutto il Mediterraneo e per tutto il mondo». Così il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha aperto oggi la settima edizione della Settimana dei Bambini del Mediterraneo, ad Ostuni, dove per sette giorni i bambini italiani giocheranno con i coetanei albanesi, francesi, croati, bosniaci, ma anche con bambini palestinesi ed israeliani. All'incontro partecipano infatti anche esperti mediorientali e una delegazione delle 52 famiglie che vivono a Neve Shalom/Wahat al Salam (Oasi di Pace) dove famiglie palestinesi e israeliane convivono in pace consentendo a bambini e ragazzi di frequentare le stesse scuole.
Vendola - insieme con l'assessore regionale pugliese al Mediterraneo, Silvia Godelli - ha partecipato al corteo che ha attraversato le vie della Città Bianca e che ha coinvolto i bambini: poi, in piazza della Libertà sono state presentate le delegazioni straniere che parteciperanno alla settimana. Presente anche una delegazione egiziana composta da due ragazzi disabili provenienti da Alessandria d'Egitto e coinvolti in un progetto finanziato dall'Aifo (associazione italiana amici di Raoul Follerau).
La manifestazione si svolge nel segno di Gianni Rodari, al quale è dedicata a 25 anni dalla morte. A Ostuni ci sarà anche la moglie di Rodari, Maria Teresa Ferretti, che oggi ha partecipato alla manifestazione inaugurale raccogliendo l'applauso di tutti i bambini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione