Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 19:12

Sequestrata discarica abusiva di rifiuti tossici

Operazione a Lecce della Guardia di Finanza. Il materiale - altamente pericoloso - era in parte sottoterra ed in parte a cielo aperto. In tutto, sono stati trovati circa 20 tonnellate di scarti. Anche tracce di combustione. Analisi dell'Arpa
LECCE - Una discarica abusiva contenente rifiuti speciali altamente tossici, in parte sotterrati e in parte stoccati a cielo aperto, è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza a Lecce. Nel terreno, nella zona industriale alle porte del capoluogo salentino, è stata rilevata la presenza di fibre d'amianto, polveri di vetroresina e materiale plastico sparso all'interno dell'area recintata di un'azienda che produce manufatti realizzati proprio con tali materiali. I finanzieri ci sono arrivati nel corso di controlli sul materiale viaggiante.
Oltre ai materiali a cielo aperto, proseguendo le indagini, sono state scoperte circa 20 tonnellate di rifiuti speciali e tossici interrati nel piazzale della stessa azienda. Rispettivamente a 3 e 8 metri di profondità erano nascoste due file di bidoni metallici della capacità di 200 kg ciascuno. I due strati erano separati da materiale di risulta. La discarica interrata occupa una superficie ampia circa 2 mila metri quadrati.
Particolare ancora più preoccupante, nella zona retrostante il recinto dell'azienda è stata individuata un'area di circa 1.500 metri quadrati nella quale, secondo quanto risulta ai finanzieri, erano stati bruciati materiale plastico e amianto.
I militari della Gdf sono stati supportati dai tecnici del settore ambiente del Comune di Lecce, che hanno provveduto ad eseguire operazioni di carotaggio e a portare alla luce i rifiuti interrati, e dal personale dell'Arpa (Agenzia Regionale Protezione Ambiente), che ha effettuato prelievi e analisi dei materiali. Il responsabile dell'impresa, sequestrata dai finanzieri, è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria. Ora si sta accertando il grado di inquinamento della zona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione