Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 23:12

Rapina a Melfi: due tranesi catturati a Foggia

Hanno assaltato a mano armata l'agenzia della Banca nazionale del lavoro. Fuggiti con 20mila euro, sono stati inseguiti a lungo dai Carabinieri ed è nata una sparatoria. Altri due complici sono riusciti a fuggire ed ora sono ricercati
MELFI (Potenza) - Due persone hanno compiuto stamani una rapina, nell'agenzia di Melfi (Potenza) della Banca nazionale del lavoro. Arraffato un bottino di 20 mila euro, sono fuggite in auto con due complici verso Foggia. Qui al termine di un inseguimento durante il quale i Carabinieri hanno anche sparato alcuni colpi di arma da fuoco, i banditi sono stati catturati.
I Carabinieri dei comandi provinciali di Foggia e di Potenza stanno cercando gli altri due componenti della banda, che sono riusciti a fuggire nelle vie del capoluogo dauno, dopo che la loro automobile era stata speronata e bloccata da una vettura dell'Arma.
La rapina è stata fatta da due uomini, che hanno agito armati di una pistola e di un coltello: presi i 20 mila euro, i due hanno raggiunto i complici e sono fuggiti, in auto. Ma l'allarme aveva già fatto scattare il dispositivo antirapina dei Carabinieri che, con due automobili che controllavano la zona di Melfi, hanno intercettato quasi subito la vettura dei rapinatori: è cominciato l'inseguimento, a grande velocità, verso Foggia, durante il quale i militari hanno sparato alcuni colpi di arma da fuoco, forse in risposta (il particolare deve essere ancora accertato) a proiettili sparati dai quattro.
L'automobile dei rapinatori era intanto attesa a Foggia dai Carabinieri: l'inseguimento è continuato in città e si è concluso con lo speronamento e la cattura di due uomini.
Sono di Trani (Bari) i due giovani arrestati dai carabinieri con l'accusa di aver assaltato stamani la Banca nazionale del lavoro di Melfi (Potenza). Si tratta di Lavino Di Leo, di 26 anni, e Salvatore Fiore, di 23, entrambi con precedenti penali. Ricerche, anche con l'utilizzo di un elicottero, sono tuttora in corso nel tentativo di rintracciare gli altri due malfattori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione