Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 18:33

Bari - Si consegna complice

Vito Iurino complice di Luigi Partipilo con il quale avevano rapinato una stazione di benzina a Casamassima si è costituito. Il benzinaio aveva sparato ed ucciso
BARI - E' stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria dai carabinieri Vito Iurino, di 27 anni, con precedenti penali, presunto complice di Luigi Partipilo, il rapinatore di 19 anni ucciso la sera del 5 ottobre scorso a colpi di pistola dal gestore di una stazione di servizio a Casamassima (Bari). Il benzinaio reagì a una rapina da parte di due giovani a bordo di una moto e armati con una pistola.
Il fermo, per i reati di rapina e di porto abusivo di arma da fuoco, è stato fatto questa notte dai carabinieri del reparto operativo di Bari, coordinati dal maggiore Vincenzo Trimarco, al termine di un interrogatorio durato diverse ore alla presenza del pm di Bari, Marcello Quercia e del difensore del giovane.
Iurino si era consegnato ieri pomeriggio nel carcere di Taranto dove è stato raggiunto dai militari del reparto operativo di Bari che lo hanno condotto nella sede del comando provinciale del capoluogo pugliese. Qui, durante l'interrogatorio, avrebbe fatto alcune ammissioni sull'accaduto, che sono ora all'esame degli investigatori.
Particolari sulla svolta delle indagini saranno fornite in una conferenza stampa alle 11 nella Procura di Bari. Al momento non si è appreso se a Iurino sia stato contestato anche qualche altro reato, in relazione alla morte di Partipilo. Subito dopo la rapina, infatti, Iurino abbandonò il suo complice ferito dal benzinaio per strada a Triggiano. Partipilo fu poi soccorso dal 118 avvertito dalla stesso Iurino, ma morì poche ore dopo in ospedale per dissanguamento, secondo quanto ha stabilito l'autopsia.
Nell'inchiesta risulta indagato, come atto dovuto, anche il benzinaio che, con una pistola che deteneva legalmente, aprì il fuoco sui due rapinatori, ferendo a morte Partipilo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione